Testa

 Oggi è :  19/09/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

17/12/2009

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

UNO X TUTTI E TUTTI X UNO: IL TURISMO!

Clicca per Ingrandire Qualche settimana fa, pubblicando l’articolo “Gargano: Indietro Tutta” (segui il link http://www.puntodistella.it/news.asp?id=2899 – “TURISMO, QUALE FUTURO?”; ndr), ponevo delle riflessioni senza risposte sulle evoluzioni del turismo, sui nuovi problemi che diversi operatori stanno riscontrando, sulle difficoltà nelle sinergie e sulle strategie prospettate da alcuni illuminati. Proviamo però a dare delle risposte o comunque a entrare meglio nella discussione e nelle varie e ipotetiche soluzioni da intraprendere, considerando che il 2010 e il 2011 saranno anni difficili per il settore. Ad esempio cominciamo a chiederci cosa non c’è nel nostro amato Gargano, cosa occorrerebbe per far sì che il reparto turistico possa strutturarsi per poter meglio intraprendere le sfide che il mercato turistico globale esige.

Personalmente credo che più di ogni altra cosa, manchi una discussione SERIA sul turismo, un confronto che veda tutte le parti coinvolte intorno a un tavolo, quindi operatori, enti, rappresentanti di categoria, consorzi, associazioni del territorio, associazioni di categoria, ma anche la “popolazione garganica”. Questo perché non se ne può più dei tanti luoghi comuni per poi ritrovarsi tutti in perfetta solitudine ad affrontare ogni tipo di problema, a iniziare dalle tante difficoltà degli operatori turistici.

I “luoghi comuni”, secondo un mio parere, da abbattere sono quelli che gli operatori turistici siano tutti degli impostori, ecomafiosi, abusivisti, senza scrupoli né etica, che gli operatori pensino solo ai fatti loro, che si facciano “un’insaccata di soldi” lavorando 3 mesi l’anno. I luoghi comuni sono quelli che chi non lavora nel settore pensa che l’attività turistica, anche se di riflesso, non gli porti nessun beneficio, ma poi - chiediamoci - se non ci fosse il turismo quanta verdura in meno si venderebbe, oppure che all’ufficio postale basterebbero meno impiegati, che le imprese edili avrebbero certamente meno da fare, che anche il cantoniere avrebbe meno strade da sistemare.

Riflettiamo… Se non ci fosse il turismo, avremmo strade ancora peggiori di quelle che abbiamo, basti pensare al Subappennino. Nelle scuole occorrerebbero molti meno insegnanti, poiché se non ci fosse il salvagente del turismo, molta gente, ancor più di quanto già accade, sarebbe costretta ad andar via, con relativi figli a seguito. E poi ci sono, più che da abbattere, da combattere i tanti luoghi comuni sulle istituzioni. Evitare anche qui le solite “sagre di pensiero negativo” che, seppur giustificate, non portano certamente verso politiche di condivisione, anzi, sono dell’idea che i segnali debbano sempre venire dal basso per poter essere meglio interpretati dalle istituzioni. E ci sono anche i tanti luoghi comuni sulle persone del Gargano, che non vogliono lavorare, che non sono professionali per il settore turistico, che non credono nel supporto organizzato alle strutture di settore, quindi anche qui si dilaga su concetti che tutto sommato portano a ulteriore distacco.

Ora mi chiedo e vi chiedo: vogliamo cominciare a pensare che tutti insieme, coinvolti direttamente o indirettamente, dovremmo dare più dignità a questo settore che è la vera ricchezza di questo territorio, augurandoci che lo sia anche per le generazioni future? Possiamo provare a uscire fuori da tutti questi luoghi comuni e confrontarci, dando ognuno il proprio apporto e la propria risorsa e serietà a questo settore? Riusciremo mai a scavalcare le tante banalità che diciamo sul turismo, sugli operatori, sui cittadini garganici che ci lavorano o vorrebbero lavorarci?

Personalmente conosco cittadini garganici molto sensibili al turismo, conosco operatori (la gran parte) che fanno molti sacrifici e rischiano anche molto, “operatori con un’etica” ben delineata che, grazie a loro, portano occupazione. Conosco politici che vorrebbero solo la spinta giusta dal settore per intraprendere un salto di qualità, così come apprezzo i tanti consorzi che, al di là delle strategie giuste o perfezionabili, comunque svolgono un ruolo di promozione del territorio importante.

Ora rifletto sulla possibilità, se non sulla necessità, che tutte queste “energie insieme” possano rappresentare un’ottima linea guida per il settore. Anche perché, nei tanti e timidi tentativi a volte fatti dalle istituzioni, altre volte da consorzi, non si è mai arrivati a una consulta importante, immaginando il turismo come “L’azienda Gargano”. Questo vuol dire che si continua a operare senza mai fermarsi per riflettere, senza mai chiedersi cosa fa bene, cosa va bene… eppure chiunque ha un’azienda ma anche semplicemente un’economia dettata da scelte, l’analisi la fa puntualmente, come a esempio un operatore turistico a ottobre sulla stagione trascorsa.

E’ necessaria un’analisi del settore perché si commette un errore se si pensa che quello che fa vendere è l’albergo bello e moderno, e si sbaglia se si pensa che si lavora solo grazie alle proprie capacità. Si sbaglia perché le “capacità” sono fondamentali, così come la costanza e la serietà. Ma se c’è una cosa cui noi garganici dovremmo ogni giorno dire grazie è quella di essere in questo territorio baciato da madre natura, quindi diventa fondamentale la tutela, perché è il Gargano la nostra prima insegna luminosa, è il Gargano che ci dà queste possibilità, poiché gli ospiti accorrono, le spiagge si affollano, gli alberghi si riempiono grazie al Gargano.

“L’azienda Gargano è di tutti”, di tutte le persone che ci lavorano, ci vivono, ci operano, lo sostengono, un’azienda che non bisogna tradire, per questo da tutelare. Ma per tutelarla c’è bisogno proprio di tutti lasciando a casa banalità e luoghi comuni. Perché ci arrabbiamo se qualcuno ci sfregia la macchina, invece ci importa poco se qualcuno ci sfregia un Trabucco? Lì forse dimentichiamo che prima ancora del danno alla natura, sta creando un danno alla nostra azienda. Avete notato l’assenteismo del settore turistico di fronte a qualsiasi tipo di “attacco” che il nostro territorio ha ricevuto?

Ogni anno puntualmente si ripetono “episodi incresciosi”, solo negli ultimi due anni il settore turistico ha assistito passivamente al disastro dell’incendio nel 2007, all’attacco dei media nazionali, agli attacchi esasperati da parte della Gazzetta del Mezzogiorno “filo-salentina”, agli incidenti dove ogni anno perdono la vita turisti, ad esempio nella galleria di Mattinata. Quest’estate un residence di Peschici ha vissuto la disavventura, che poteva capitare anche ad altre strutture non recentissime: aver visto una famiglia ospite vittima di una bombola di gas esplosa semplicemente per una disattenzione. Ho visto anche come quella struttura ha dovuto difendersi da sola mentre dalle reti nazionali e dal televideo continuavano a uscire comunicati che destabilizzavano il nostro settore turistico, facendo passare per gravissime le condizioni dei componenti della famiglia, quando poi in realtà sono stati dimessi il giorno dopo, per fortuna di tutti.

Ora vi chiedo: quanto occorrerebbe questo tipo di tutela? Quanto ne gioverebbe il territorio se ci fosse un’associazione di categoria di tutela del turismo? Magari con un presidente dalle spiccate doti interlocutive, con esperienza nel settore, un presidente di peso, che chiaramente andrebbe individuato tra gli operatori turistici. Così La Gazzetta che ci insulta puntualmente ogni estate avrebbe risposte ufficiali dal settore, che essendo comunque di parte, non rischia ritorsioni personali. Ecco perché politici, sindaci, assessori, non parlano di fronte a questi affondi frontali sul turismo fatti da alcuni media, che continuano quindi a fare ciò che ritengono, poiché non c’è nessuna associazione di categoria che potrebbe creare loro problemi o addirittura denunciarli. Quando, malauguratamente, avessimo episodi incresciosi, ci sarebbero comunicati ufficiali nel rispetto delle vittime (cosa importantissima, anche per rispetto dei familiari).

Ma tutto questo occorre anche per le nostre “belle iniziative” - fiere, eventi… - insomma per tutto ciò che gira intorno al settore. Un’associazione di categoria turistica aiuterebbe a far sì che quella galleria di Mattinata fosse più monitorata e migliorata nella sicurezza, oppure pensiamo al tratto che da Vieste conduce verso la zona di Porticello: centinaia di metri di strada statale affiancata da una recinzione fatta con semplice filo spinato, dove basta una caduta da bicicletta per perdere la vita. Bene, una categoria che solleva questi casi aiuterebbe certamente il lavoro di Ersilia Nobile verso gli Enti sopracomunali.

Diciamo questo: “la tutela è necessaria in tutti i settori del turismo”. Esempio: da qualche giorno è nato il “Comitato in difesa del mare”, voluto da anime ambientaliste. Come non pensare che ciò aiuterà il turismo? Tranquilli, ché chi vorrà compiere atti illeciti nel nostro mare, d’ora in poi ci penserà una volta di più. Basta con le riunioni, molte volte occasionali, dove si conclude invitando gli operatori a mettere 300 euro o 500 euro a testa per fare quella fiera o quel catalogo. Oggi non occorrono i soldi, ma il cuore, e possibilmente anche “l’anima” per un turismo più tutelato e di qualità. Per far questo occorre maturità e intelligenza, come fanno a Rimini, in Trentino o in Veneto.

Ricordate un paio d’anni fa la vicenda della ragazza violentata sul lungomare di Rimini? Pensate sia stata l’istituzione a incastrare “l’aggressore” dopo solo due giorni? No, è stata la “Associazione degli albergatori” che, in modo strategico, mise una taglia diffondendo l’identikit del delinquente. Ecco così che una notizia negativa loro riescono a convertirla in positiva, diffondendo tramite i mezzi stampa che Rimini era tanto sicura che se qualcuno commetteva qualcosa veniva subito “incastrato”.

Dobbiamo “crescere”, sono i tempi che ce lo impongono, ma anche un “nuovo” tessuto sociale che nel Gargano sta pian piano prendendo coscienza attraverso persone sensibili e audaci giovanissimi. Ora dovremmo davvero tentare di fare un passo avanti importante, qualcosa che non è mai stato fatto, cioè cercare di condividere idee, insieme a persone che possiamo anche rinnegare, non salutare, invidiare apertamente, ma ciò non significa che non dobbiamo sederci insieme allo stesso tavolo, proprio perché anche loro rappresentano il settore, quanto meglio o peggio di noi non lo so, ma certamente anch’essi coinvolti. Mettere su quel tavolo tutte le idee, i progetti, le opinioni, i pensieri, i suggerimenti per un “Gargano migliore”, per dare pian piano vita a una consulta importante e costante nel tempo sul tema “Turismo”.

I porti del Gargano, la difesa dei beni culturali, l’eolico che incombe, l’aeroporto, il trenino, le strade, gli uffici turistici, i rifiuti, l’ospedale, le ordinanze, le regole che non ci sono, l’offerta turistica coordinata, l’occupazione professionale del settore, e poi le statistiche di “qualità del turismo”, i rilevamenti sui motivi della presenza degli ospiti: tante le cose da fare… Insieme! Lo scorso anno si parlava di Gargano Channel, altra iniziativa molto interessante e lungimirante. Bene, perché non sederci “tutti insieme” per chiederci se ne valga la pena, e semmai sul come fare? Oppure tutti insieme decidere che non ci interessa…. Ma occorre una discussione su tutte le cose che ho appena scritto. Certo, ce ne sono alcune esclusivamente di responsabilità istituzionale, ma se l’istituzione comprende le volontà di un territorio non può far altro che comportarsi di conseguenza, quindi anche per loro diventa un aiuto percepire la volontà e la determinazione di un settore, per non dire di un territorio.

Il 9 gennaio, a Vico del Gargano, con le associazioni “Io Sono Garganico” e “Obiettivo Gargano” promuoveremo proprio questa idea, un’idea semplice, pulita, lineare, o meglio: una “linea orizzontale sul turismo” dove ognuno sia al fianco di qualcun altro, nessuno sopra, nessuno sotto. Inviteremo tutti gli operatori turistici, tutti i consorzi, tutti i Comuni del Gargano, tutti gli enti sopracomunali, tutti i cittadini del Gargano sensibili al settore turistico e al territorio. Ma, soprattutto, ad aspettarvi ci saranno le tante associazioni che proprio in quel giorno di un anno fa s’incontrarono per la prima volta, avviando così, senza troppe domande e con poche risposte, l’idea dell’Associazionismo del Gargano, un’attività che in un solo anno ha visto almeno venti incontri su temi a tutti noi cari e in particolare la volontà di dare costanza a questi incontri avviando dibattiti e discussioni certamente fondamentali per la crescita culturale, prima ancora di quella del settore turistico.

Riproporremo lo stesso modello, “tutti insieme in modo informale”, senza linee guida di chi pensa di avere un progetto già scritto, ma TUTTO ancora da scrivere insieme sul capitolo TURISMO. Ci incontreremo e magari per la prima volta lasceremo a casa o nella nostra azienda i nostri rancori personali, comprendendo che la “vera forza” sta nello stare insieme, perché tutti insieme potremmo beneficiarne, anche se poi i nostri rancori personali ce li teniamo lo stesso.

Ci sarebbe da chiedere, infine, quanto di solo turistico ci sia in questa “analisi”. Forse poco! Per questo mi auguro che tutti si sentano coinvolti da queste parole e abbiano voglia di venire il 9 a Vico, fosse solo per dare la propria disponibilità. Anche perché la conclusione sta proprio in questo: il 9, a Vico, non lanceremo altre idee se non quella di far sì che “si cominci” a radicare una consulta sul turismo. L’incontro permetterà a tutti di dire la propria sul turismo, ma soprattutto, attraverso un form, chiederemo a tutti se intendono in futuro sedersi al “tavolo di consulta”, che sia istituzione, associazione, consorzio, privato, l’importante è che la volontà sia decretata da un sentimento sincero, sebbene eventualmente dettato da interessi. Così facendo potremmo arrivare a un successivo incontro dove già sappiamo di cosa parlare e cosa chiederci, guardandoci in faccia, se abbiamo davvero voglia di continuare a vederci, a discutere, a dibattere, a lottare per auspicare il meglio per il turismo del nostro territorio.

Anche perché “non bastano le idee”, occorre capire se esista davvero questo interesse, se ci siano persone che vogliano dare un contributo, fosse solo per passione del territorio, persone che abbiano voglia di far nascere una nuova cultura turistica, che sacrifichino tante volte il proprio tempo, affinché pensino un po’ di più al domani. L’esempio delle Associazioni del Gargano valga per tutti! Vi aspettiamo il 9 gennaio a Vico.

Gaetano Berthoud

 Garganonews

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

-- 17/12/2009 -- 16:41:28 -- domenico

berthoud....più conciso...buone le intenzioni, ma pochi gli occhi disposti a sforzarsi di leggere... Con stima

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 444

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.