Testa

 Oggi è :  04/06/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

13/12/2009

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

DIECI PERLE DELLA CMG

Clicca per Ingrandire Si sa, il supremo ente montano (o montanaro, come volete) non ha mai disdegnato di inocularci aneddoti e pinzillacchere! E, se da un lato il commissario preme e dall'altro la Cassazione cassa (o scassa, come volete), cosa c'è di meglio nell'affidarsi agli antichi proverbi dei saggi antenati garganici. E la homepage del sito della Comunità Montana del Gargano, a ogni refresh, ce ne dispensa uno, con tanto di traduzione italiota e relativa morale. Detti popolari validi per tutti ma non per amministratori e rappresentanti del folkloristico ente.

Si spazia dal “culo lordo di merda” ai “consigli sui trasporti” (attenzione, da evitare il martedì e il venerdì), dalla “zappa del contadino” alle “profezie sulla morte”... Eccone per voi una selezione, dieci perle appunto, conclusa con l'ultima che ben si adatta alle vicissitudini attraversate dall'ente in questi giorni, la cui cronaca, forse, fa ancora più ridere!

1. "Quanne ce zappe e quanne ce pote ne nge vèite ne zzejène e nnè nepute, quann'èje a u vedegnè zezije da qqua e zezije da ddà. (Quando si zappa e quando si pota non si vedono né zii né nipoti, all'ora di vendemmiare zio di qua zio di la. - Nel bisogno nessun aiuto nell'abbondanza tutti amici.)

2. Chi ce còleche p'li uagnune la matine ce trove p'u cule cachète. (Chi va a letto coi bambini al mattino si ritrova col culo sporco di cacca. - Se ti metti coi bambini o con chi non è di parola puoi avere delle sorprese.)

3. Quanne na femmène vole, te fè rrevè ngìele sènza schèle. (Quando una donna vuole, ti fa arrivare in cielo senza scala.)

4. Nu mbrejèche te la fè vènne, na votte de vine, e nnu mbrejèche te la fè pèrde. (Un ubriaco te la fa vendere, una botte di vino, e un ubriaco te la fa perdere. - Chi è in grado di farti una buona propaganda è in grado di fartene anche una cattiva.)

5. Vìzzeje de nature (vìzzeje e nnature) fine a lla mòrte dure. [Vizio di natura (e sesso) fino alla morte dura. Il carattere non si può modificare.]

6. Nè dde Vènere nè dde Marte, ne nge spòuse e nne nge parte. [Ne di "Venere" (venerdì) né di "Marte" (martedì) non ci si sposa e non si parte.]

7. Stàmece citte ca stanne i rrècchie sorde. (Stiamo zitti che ci sono le "orecchie sorde". - Bambini e ragazze ingenue.)

8. L'ome p'la paròule e u uove p'li ccòrne. (L'uomo si lega con la parola e il bue con le corna. - L'uomo si impegna con la parola data e non può non mantenerla.)

9. Chi sschiefe è sschefète. (Chi schifa è schifato. - Chi è troppo schifiltoso suscita insofferenza.)

10. Ce sèpe addoue ce nasce e nne nge sèpe addoue ce more. (Si sa dove si nasce ma non si sa dove si muore. - Nessuno conosce il proprio destino.)



 oknotizie.virgilio.it

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 3297

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.