Testa

 Oggi è :  07/08/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

01/12/2009

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

APRICENA OMAGGIA MATTEO SALVATORE

Clicca per Ingrandire L’ex Consorzio Agrario di Apricena dal 5 dicembre prossimo si chiamerà “Casa Matteo Salvatore”. Alla Cerimonia di inaugurazione (inizio ore 17, viale Di Vittorio) saranno presenti anche il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, Elena Gentile, assessore regionale al Welfare, e il consigliere regionale Dino Marino. A fare gli onori di casa l’Amministrazione Comunale di Apricena, con in testa il sindaco Vito Zuccarino. “Non solo un omaggio dovuto - dichiara il primo cittadino - a un artista simbolo della storia del nostro Mezzogiorno, ma anche la costruzione attorno alla figura e il sempre vivo messaggio di Matteo Salvatore di un centro di rinnovato interesse verso i bisogni, i problemi, le aspettative e l’interpretazione creativa dei nostri giovani e del nostro futuro”.

Amministratori locali, provinciali e regionali, esponenti di Chiesa, Associazioni e mondo scolastico, tutti insieme per omaggiare il “folk singer” di Apricena. Un programma con momenti culturali e artistici che prevede il concerto omaggio a Matteo Salvatore “Note di musica popolare”: trio Rino Zurzolo, Ciccio Merolla, voce e chitarra Enzo Gragnaniello.

“Casa Matteo Salvatore - spiega Tommaso Pasqua, assessore alle Politiche Sociali - sarà luogo d’incontro e socializzazione per i giovani della città. Abbiamo abbinato la tradizione culturale con le note di Matteo Salvatore e i linguaggi moderni dei giovani. Abbiamo creato un contenitore ricco di contenuti in un discorso di continuità col messaggio e l'arte del cantastorie apricenese ormai divenuto punto di riferimento per la musica popolare nazionale”.

La vita di Matteo Salvatore nelle parole di Concetta Pennelli, assessore alla Cultura: “Ricordare Matteo Salvatore e diffondere l’eccezionalità del suo itinerario artistico tra i giovani è, per l’Amministrazione Comunale, un atto dovuto di gratitudine. Sfruttando le potenzialità espressive del dialetto, accompagnandosi con la chitarra, ha reso il suo canto accorata poesia con tratti drammatici o velati di sottile ironia; ha saputo interpretare e narrare senza ombra d’ipocrisia e tracce di retorica, la vita della gente del Sud con cui ha condiviso il dramma della povertà, la disperata volontà di sopravvivere, di non perdere dignità e orgoglio anche quando ogni tentativo di approdo per affermare i propri diritti era destinato a risolversi in una comprensione rifiutata in nome dell’egoismo e dell’indifferenza.

“Quanto Matteo Salvatore ha saputo darci - conclude l’assessore - è un contenitore culturale che racchiude un microcosmo da conoscere perché ricco di messaggi utili a determinare momenti di riflessione su quella catena umana costretta a vivere una vita di stenti che, oggi come ieri, continua a essere portatrice di interrogativi e attese che non trovano risposte”.

 Uff. Stampa Comune di Apricena

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 176

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.