Testa

 Oggi è :  06/06/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

20/11/2009

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

CELENZA E CARLANTINO… PAESI FANTASMA?

Clicca per Ingrandire E’ stato bocciato l’emendamento alla Finanziaria 2010 che prevedeva, per i Comuni foggiani e molisani colpiti dal sisma del 2002, risorse fino a 100 milioni di euro l’anno nel triennio 2010-2012. Il provvedimento, respinto dal Senato, è stato presentato dal senatore molisano dell’Idv, Giuseppe Astore, per garantire la prosecuzione e il completamento degli interventi di ricostruzione di tutte le abitazioni colpite dal terremoto.

“Adesso c’è il serio rischio che non si completi la ricostruzione post terremoto - dichiarano Francesco Santoro, sindaco di Celenza Valfortore e Vito Guerrera, sindaco di Carlantino. - Non è giusto. Ancora una volta paghiamo a caro prezzo l’indifferenza e lo stato di abbandono verso i nostri Comuni. Se non facciamo tornare le persone nelle loro case - aggiungono, - aumenterà lo spopolamento dei nostri centri fino a farli diventare dei veri e propri paesi fantasma”.

La speranza, seppur remota, è che alla Camera il Governo cambi idea dando via libera a un provvedimento che assicuri la giusta copertura finanziaria per proseguire la ricostruzione. Il presidente della Regione Molise, Michele Iorio, dopo la bocciatura dell’emendamento, è scettico su una retromarcia da parte del Governo a causa di una Finanziaria 2010 “blindata”. Per questo motivo ha deciso di intraprendere una nuova strada, ossia quella di ottenere finanziamenti attraverso i Fas (Fondi Aree Sottosviluppate).

“Quella dei Fas è una strada difficile da percorrere – puntualizzano Santoro e Guerrera. - Noi chiediamo da anni un piano strategico pluriennale o una legge ordinaria dello Stato per avviare una ricostruzione non solo materiale delle case ma soprattutto per garantire una ripresa economica e sociale. Basta con questa emergenza continua, con piani provvisori e annuali che non ci permettono di risollevare le sorti dei nostri Comuni”.

Il 31 ottobre scorso, in occasione del settimo anniversario del sisma, anche il presidente della Provincia di Foggia, Antonio Pepe, aveva dichiarato che “le opere di ricostruzione meritano un’accelerazione per riportare la situazione almeno a un livello di normalità. Per far questo - aveva sostenuto, - c’è bisogno del massimo impegno istituzionale e politico”. Impegno che, con la bocciatura dell’emendamento, purtroppo non c’è stato.

Intanto si aggrava la situazione degli immobili colpiti dal terremoto. Dopo il crollo del tetto di un’abitazione a Carlantino, due giorni fa è crollata anche la facciata di una casa situata in pieno centro a Santa Croce di Magliano, uno dei Comuni molisani colpiti dal sisma, a pochi chilometri da Carlantino. La priorità è ora quella di monitorare la sicurezza degli edifici inagibili in tutti i Comuni del cratere.

Le prossime precipitazioni piovose aggraveranno lo stato delle abitazioni mettendo a serio rischio anche l’incolumità delle persone che abitano nelle case adiacenti e confinanti a quelle inagibili. “Anche questa situazione, ormai gravissima, è stata causata dal forte ritardo con il quale vengono stanziati i fondi per la ricostruzione”, concludono Santoro e Guerrera.



 Uff. Stampa Comune Celenza V.

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 1296

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.