Testa

 Oggi è :  21/08/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

12/04/2008

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

ALBA O TRAMONTO?

Clicca per Ingrandire Sarà l’aria uggiosa di questa giornata pesante, sarà l’invito calato su ciascuno di noi come una mannaia da più versanti, sarà l’abitudine a questi sabati “di riflessione”, prima di aprire i seggi elettorali, ripetuti (forse troppo colpevolmente) nel tempo, sarà quel che sarà, un elemento è certo: sullo Sperone è sceso un silenzio che non annuncia nulla di buono. Accantonando prudentemente il pessimismo, il silenzio c’è veramente, e non è quello di un solito weekend. E’ un silenzio fatto di tante sfumature, di strane attese, di pioggia che non si decide a cadere ma minaccia, di tramontane che squassano i vetri delle finestre facendoli vibrare come arpe eoliche, di commenti sussurrati quasi col timore di essere ascoltati, di parole dette e non dette, di consigli interessati barattati in forme pseudomafiose (anche se sempre di meno rispetto a un passato non lontano), di mormorii angoscianti e preoccupanti. Sì, il popolo è preoccupato. Meglio Tizio o Sempronio, Caio dà più fiducia o si comporterà come il suo omonimo che l’ha preceduto, mi affido al parente che ha rotto le scatole per l’intera campagna elettorale o lo mando a farsi friggere dirottando la mia preferenza su un perfetto sconosciuto che proprio in quanto tale vai a vedere che tirerà fuori dal cilindro le migliori soluzioni per una comunità affamata di tutto: di posti-lavoro, serenità, tranquillità economica, considerazione, scuole, strade sicure, collegamenti veloci con le fonti di reddito, sinergie lungimiranti, eccetera eccetera eccetera.
Sarà l’aria mossa e polverosa di questa vigilia stagnante, con i problemi che non cambiano mai, con il solito “train de vie” che ti annoia, con la consueta non-diversità che ti spezza le gambe e vorresti quasi che un meteorite scegliesse la tua testa per farla scoppiare veramente una volta per tutte; sarà la voglia di cambiamento che ti afferra in ogni tornata elettorale per deluderti tempo sei mesi o lo sfrigolio insistente del cappello arrugginito della canna fumaria che ruota sotto la sfacciata violenza dei colpi di vento, cigolando come le ginocchia di un vecchio imbastardito dagli acciacchi dell’età; sarà la paura di cadere dalla padella nella brace o la speranza che bussa alla porta della tua coscienza e non riesce a entrare perché ti aggredisce puntualmenteil panico nel momento di aprirla; sarà il tuo disincanto che non ti permette di aver più fiducia in nessuno o la costatazione di averne viste e sentite tante da non considerare l’eventualità che qualcosa di veramente “nuovo” e “utile” e “produttivo” possa accadere; sarà l’alba di una nuova era o il tramonto di una illusione, un fatto è certo: domani è un altro giorno, augurandoci che cambi non solo come nome, ma nella sostanza. =
PIERO GIANNINI

 Redazione

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 1533

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.