Testa

 Oggi è :  14/11/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

18/09/2009

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

STRAGE DI KABUL: IL CORDOGLIO DELLE ISTITUZIONI

Clicca per Ingrandire Dolore e partecipazione dei principali responsabili degli enti pubblici pugliesi. Dai sindaci ai presidenti di Provincia, la Puglia si è stretta intorno alle famiglie dei nostri soldati.

NICHI VENDOLA (presidente Regione Puglia) – E’ una giornata di profondo lutto, ho il cuore spezzato dagli eventi accaduti in Afghanistan. Il mio pensiero ora è tutto rivolto alle famiglie dei caduti e in particolare alla famiglia Ricchiuto di Tiggiano. A nome mio personale e di tutta l’Amministrazione Regionale esprimo il mio cordoglio e la mia partecipazione, in una giornata che sarà davvero difficile da dimenticare per la Puglia e per tutta l’Italia. Ma quel momento non può essere ora. Ora è il tempo del dolore.

PIETRO PEPE (presidente assemblea regionale pugliese) - Esprimo il dolore del Consiglio regionale della Puglia per i sei militari italiani, uno di origine pugliese, vittime di un attentato a Kabul. Sei giovani vite sono state spezzate e vanno ad aggiungersi ad altri nostri connazionali che hanno perso la loro vita per difendere la pace e la sicurezza internazionale.

ANTONIO PEPE (presidente Provincia di Foggia) - La Provincia di Foggia si stringe attorno alle famiglie dei sei paracadutisti uccisi a Kabul, vittime della violenza terrorista e martiri nella battaglia che l’Italia sta conducendo per l’affermazione della democrazia, della pace e della sicurezza internazionale. La comunità della provincia di Foggia esprime dolore e vicinanza ai familiari formulando un augurio di guarigione ai feriti.

GIANNI MONGELLI (sindaco di Foggia) - L’intera città di Foggia esprime commosso cordoglio alle famiglie dei militari uccisi nell’attentato di Kabul e partecipe solidarietà alle Forza Armate, impegnate a difendere e sostenere la pacificazione e la democrazia a costo di immani sacrifici. Invito tutti i foggiani a partecipare, nelle forme da ciascuno ritenute più opportune, alla giornata di lutto nazionale affinché anche da qui giunga un chiaro messaggio di vicinanza a quanti, donne e uomini dell’esercito e delle organizzazioni umanitarie e non governative, rischiano quotidianamente la vita.

MICHELE EMILIANO (sindaco di Bari) - La città di Bari si unisce al cordoglio dell’Italia intera per la morte dei nostri paracadutisti. Il nostro Paese e le famiglie dei militari caduti stanno pagando un prezzo altissimo per assicurare la partecipazione dell’Italia alla missione di pace in Afghanistan. Nonostante il recente espletamento delle elezioni, l’Afghanistan rimane uno dei più pericolosi teatri nei quali le truppe italiane sono impegnate. E’ evidente dunque che i recenti attentati richiedano un immediato ripensamento delle modalità della missione, con riferimento al numero dei militari impiegati e al tipo di equipaggiamento e dei mezzi con i quali sono chiamati ad operare. E’ compito dello Stato assicurare l’adeguatezza del sostegno ai nostri reparti.



 Redazione

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 1916

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.