Testa

 Oggi è :  06/04/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

06/09/2009

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

MASCHIO O FEMMINA CHI AFFRESCO” GROTTA PAGLICCI?

Clicca per Ingrandire Chi erano gli artisti che hanno affrescato Grotta Paglicci e hanno realizzato importantissime opere d'arte mobiliare tra 25mila e 11mila anni da oggi? Sicuramente preistorici molto colti, con capacità espressive, visive e d'ingegno simili o uguali alle nostre. Seppellivano per esempio i propri morti, avevano una propria religione, avevano un proprio linguaggio, probabilmente avevano pure una rudimentale forma di comunicazione scritta, si radunavano in clan, avevano una propria gerarchia interna di potere e conoscevano sicuramente forme artistiche e culturali all'avanguardia.

A Paglicci, come nel resto delle tribù paleolitiche organizzate d'Europa, il ruolo della donna doveva essere molto importante ed emancipato. A testimoniare ciò l'importante teoria di un archeologo americano, il prof. Dean Snow (foto del titolo; ndr) della Pennsylvania State University, secondo cui ad occuparsi dell'arredamento e della cura estetica della grotta erano le donne (o molte di loro). Snow ha studiato molte cavità ubicate nei vari continenti e si è soffermato maggiormente su quelle europee, soprattutto i siti paleolitici di Pech Merle in Francia e di Grotta Paglicci in Italia.

La sua "curiosità scientifica" si è concentrata sulle "firme" lasciate dagli artisti, ovvero le impronte di mano trovate vicino a ogni dipinto, quasi sempre realizzate con ocra e carbone . Pech Merle (foto 1 sotto) e Grotta Paglicci (foto 2), da questo punto di vista, sono molto importanti perché le impronte (per meglio essere precisi: le contro-impronte) sono state rinvenute nelle adiacenze di pitture parietali di cavalle gravide, tra i 25mila e i 20mila anni fa (foto 3, disegnata in verticale sulla parete). Artisti, anche donne, secondo l’archeologo americano, erano in attività in Europa e nel mondo già a partire da 40mila anni or sono.

Non sappiamo quale ruolo avesse il gentil sesso nella società paleolitica, sicuramente però la donna era considerata alla pari dell’uomo. Dean aggiunge che molte di esse avevano uno spiccato senso dell’arte. Quanto dice lo ha appreso direttamente dalle impronte, in positivo e in negativo, e dai graffiti di mani lasciati nelle grotte: molte sono piccole e sottili, a testimoniare che appartengono al genere Homo Sapiens femminile.

Per meglio avvalorare la sua tesi ha effettuato un esperimento: ha confrontato le antiche impronte con alcune più moderne lasciate da diversi volontari. Molte di quelle arcaiche hanno evidenziato il dito anulare e l’indice lunghi e il mignolo piccolo (mani di femmina). Le ricerche di Dean per il momento si sono limitate all’analisi di foto e al sopralluogo in alcune caverne in Francia e in Spagna, in futuro potrebbero concentrarsi su quelle pugliesi rinvenute a Grotta Paglicci nell’entroterra del Gargano.

Chissà se la donna cromagnoniana rinvenuta nella grotta rignanese nel 1986 e vissuta tra i 23mila e i 24mila anni fa amasse o praticasse l’arte, certamente amava l’estetica e la bellezza, come testimonia la ricostruzione del suo viso opera del prof. Francesco Mallegni dell’Università degli Studi di Pisa (foto 4) e gli oggetti di “bigiotteria” rinvenuti nella sua fossa tombale (ulteriori informazioni sul portale internet www.paglicci.net).

Angelo Del Vecchio




 Garganopress.net

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 2499

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.