Testa

 Oggi è :  23/04/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

01/09/2009

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

LA SOLIDARIETA SCHIAFFEGGIATA

Clicca per Ingrandire Per chi è meno informato: nei giorni 30 Aprile, 1,2,3 Maggio è stata organizzata una raccolta fondi per l' Emergenza Terremoto in Abruzzo, organizzata dagli studenti di Cagnano Varano iscritti all'Università dell'Aquila, in collaborazione coi Volontari Soccorso di Cagnano e Amministrazione Comunale. Il Comune di Cagnano infatti era in contatto col Comune di Pizzoli (Aq), che faceva da centro gestionale per i paesi confinanti colpiti dal sisma, per mandare abbigliamento, alimenti, strumenti utili per le tendopoli e quant'altro.

La nostra raccolta si proponeva di raccogliere fondi per l'acquisto del necessario da portare personalmente nei paesi colpiti. Purtroppo (AHINOI) anche in una situazione del genere di emergenza, con un gruppo di oltre 40 studenti che (AHINOI di nuovo) erano presenti lì a l'Aquila la famosa notte, i nostri politici hanno pensato bene di “fregarsene” o comunque di mettere da parte la questione e occuparsi di campagne elettorali e altro "business" che noi comuni cittadini non possiamo sapere... In ogni caso (senza insinuare niente) la questione "EMERGENZA TERREMOTO" è stata messa da parte e noi studenti, che col cuore ci siamo impegnati, siamo rimasti delusi e increduli di fronte a tanta indifferenza. Senza contare la figuraccia fatta coi Comuni abruzzesi coi quali l'Amministrazione era in contatto!

Abbiamo aspettato quattro mesi, nella speranza che qualcosa… qualcuno… si muovesse ma niente, nessuno da lassù ha pensato a noi e nessuno si è preoccupato di finire ciò che era stato iniziato. Alla fine, di comune accordo, abbiamo deciso di versare la quota raccolta alla Caritas Italiana, che si occupa della questione, in modo da far arrivare comunque questi soldi. E così è stato fatto. Ho personalmente provveduto al versamento di 1032,00 euro sul conto corrente postale della Caritas italiana, che non serviranno di certo a ricostruire case, né a risolvere la situazione, ma sono comunque un contributo sincero di gente che si è impegnata col cuore e ha vissuto il dramma del terremoto del 6 Aprile.

Vorrei precisare che il mio “non è uno sfogo a fini politici”, qui non si fa politica, in una tragedia del genere l'ultima cosa a cui si pensa è la politica. E' però la realtà dei fatti. Vorrei ringraziare quanti hanno partecipato all'organizzazione della raccolta e quanti hanno contribuito economicamente. Il versamento è stato fatto, sì, dagli studenti di Cagnano Varano ma ha contribuito l'intera popolazione, sappiatelo!

 FB

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 441

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.