Testa

 Oggi è :  24/11/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

12/08/2009

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

QUANDO “CELENZA” ERA “CELENNA”

Clicca per Ingrandire Quasi un record da “Guinness dei primati”: giovedì 13 agosto ci sarà soltanto un luogo in tutta l’Unione Europea in cui non circolerà l’euro e quel luogo è Celenza Valfortore. Con “Vivi il borgo”, infatti, tornerà l’antico conio in uso ai tempi della dominazione spagnola di questo piccolo paese del Foggiano posto sulle alture al confine col Molise: il ducato. Rivivrà la vecchia “Celenna” celebrata dai libri di storia che raccontano di cavalieri, soldati, dame e briganti.

Il paese si trasformerà in un unico “set cinematografico” con cento e più figuranti che avranno il compito di trasportare cittadini e visitatori indietro nel tempo in un intreccio di epoche e influenze diverse: quella spagnola del ‘500, austriaca del ‘700, francese di fine settecento e dell’epoca borbonica del settecento e dell’ottocento con l’architettura, i monumenti, i costumi, la musica e persino la moneta di quei periodi storici.

Un grande e gioioso sforzo organizzativo condiviso da Amministrazione comunale, Proloco, Parrocchia e dalle associazioni “Celenna” e “Fortorina”. L’obiettivo è quello di valorizzare il grande patrimonio di cultura e storia racchiuso all’interno delle antiche mura del borgo celenzano. La ricostruzione storica è stata possibile grazie a due inventari del 1702 e 1759 racchiusi nel libro “Celenza Valfortore nella storia” di Michele Cerulli.

Il centro storico di Celenza offre un colpo d’occhio davvero notevole. La parte feudale del paese si sviluppa tra vicoli e “ruarelle” che costeggiano case arroccate l’una all’altra, attraversate da caratteristiche stradine. Del borgo originario, di origine medioevale, restano oggi la struttura urbanistica, il palazzo baronale col suo torrione (foto del titolo; ndr) appartenente all’antico castello dei Gambacorta, alcune porte d’ingresso al borgo, il Monastero delle Clarisse, il monastero di Santa Maria delle Grazie e alcune chiese.

Al paese, nel 1700, si accedeva attraverso cinque porte, tre delle quali saranno ricostruite grazie a un effetto scenico. Le due porte esistenti sono “San Nicola” (entrata dal versante campano) e “Porta Nova” (ingresso dalla regione molisana), mentre quelle da ricostruire sono la porta di “Sant’Antonio” (entrata dalla regione Puglia), la “Portella” (la porta d’ingresso al Castello) e la “Porta del Muro Rotto”. A guardia delle cinque porte ci saranno armigeri in divisa dell’epoca borbonica con relativi archibugi.

Per le vie del borgo si potrà incappare in qualche brigante che, munito di pistolone, cercherà di turbare i signorotti in abiti d’epoca simulando finte estorsioni. Celenza, infatti, fu interessata anche dal vasto fenomeno del brigantaggio. Anzi, i capi dei fuorilegge delle due bandi, “Vardarelli” (il vero nome era “Meomartino”) e “Varanelli” (detto “Titta”) erano nativi proprio di Celenza. Nel circuito del borgo si sveleranno angoli e spiazzi caratteristici, portali riccamente scolpiti, fontanili, scorci di antichi palazzi di ricche famiglie locali, vecchie chiese e antichi monasteri.

Il “viaggiatore” incontrerà, in particolari zone di ritrovo, gruppi musicali che eseguiranno canti e suoni medievali, musica etnica e folcloristica. Tutto il borgo, inoltre, sarà rischiarato solo da fiammelle a terra e da torce a muro, e imbandierato con stendardi borbonici e dei Gambacorta. Artisti di strada, giocolieri, mangiafuoco, trampolieri, sbandieratori, trombettieri, arricchiranno la scenografia di questa magnifica serata. I visitatori, inoltre, troveranno accoglienza presso osterie e locande dislocate in diversi punti del percorso per degustare i prodotti tipici annaffiati da buon vino.

Il tutto al suon di ducati, moneta del regno nel 1700 che si riceveranno all’ingresso delle porte nei punti di “dogana” (è proibita la circolazione dell’euro). La manifestazione, patrocinata da Regione Puglia, Provincia di Foggia e distretto culturale “Daunia Vetus”, inizierà alle 18, vi parteciperanno tutti i sindaci della zona e si protrarrà fino all’alba del giorno dopo.

Info: 348.5901701 – 339.2512939
Approfondimenti e materiale fotografico: http://celenzavalfortore.blogspot.com

 Uff. Stampa Comune Celenza Valfortore

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 2075

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.