Testa

 Oggi è :  21/08/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

11/08/2009

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

“CHI TIENE VIVE LE PROPRIE RADICI MERITA RISPETTO”

Clicca per Ingrandire “La legge regionale per i Piccoli Comuni sarà approvata dal Consiglio Regionale entro la fine di questa legislatura”. E’ quanto ha dichiarato Elena Gentile (foto del titolo, col presidente Vendola; ndr), assessore alla Solidarietà Sociale della Regione Puglia, nel corso del Consiglio Comunale svoltosi a Carlantino per i 200 anni dalla nascita del Comune della diga di Occhito. In precedenza era stato il sindaco di Carlantino, Vito Guerrera, a sottolineare come sia la legge regionale sia la nazionale per i Piccoli Comuni fossero ferme nel loro iter legislativo ormai da qualche anno.

La “proposta legislativa per la tutela e la valorizzazione dei Piccoli Comuni pugliesi”, infatti, dopo l’approvazione nel marzo 2007 da parte della Commissione Affari Istituzionali del Consiglio Regionale pugliese e dopo aver superato anche l’esame della Commissione bilancio, è in attesa solo dell’approvazione definitiva da parte del Consiglio Regionale. Anche la legge nazionale per i Piccoli Comuni è ferma al Senato da circa due anni. Nell’aprile 2007 era passata alla Camera all’unanimità ma, arrivata a Palazzo Madama, si era arenata nonostante fossero giunte all’allora presidente del Senato, Franco Marini, centinaia di delibere di Consigli Comunali che chiedevano una rapida calendarizzazione della legge.

“Una comunità che tiene vive le proprie radici merita rispetto soprattutto da quegli enti, come la Regione, che devono accompagnare lo sviluppo di questi piccoli centri - ha dichiarato l’assessore regionale Elena Gentile. - Dobbiamo costruire insieme un messaggio di fiducia e di speranza per il futuro”. Soddisfazione per gli impegni assunti dalla Gentile è stata espressa da Guerrera anche se il sindaco di Carlantino ha auspicato altresì una legge speciale ad hoc che riconosca lo status di Piccoli Comuni. Il sindaco di Celenza Valfortore, Francesco Santoro, presente al Consiglio insieme ad altri primi cittadini dei Comuni dei Monti Dauni, ha voluto ribadire l’amicizia fraterna tra le due comunità confinanti.

Ad assistere al Consiglio Comunale tantissimi emigranti tornati nella loro terra in occasione delle festività agostane. Tra questi, il rappresentante della famiglia pugliese in Argentina, Domenico D’Adamo, che ha voluto ricordare il progetto “Un ponte con l’Argentina” con cui si è dato il via a programmi e iniziative che il Comune di Carlantino sta realizzando insieme alla comunità dei carlantinesi in Argentina per una internazionalizzazione culturale, sociale ed economica. L’obiettivo più importante di “Un ponte con l’Argentina” è costruire a San Nicolas la copia fedele della “Cappella della Santissima Annunziata” che a Carlantino è ubicata ai piedi di Monte San Giovanni.




 Uff. Stampa Comune Carlantino (foto www.modugno.it)

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 452

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.