Testa

 Oggi è :  14/11/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

14/07/2009

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

“SENTITE BUONA GENTE”

Clicca per Ingrandire Con la proiezione inedita dello spettacolo intitolato “Sentite buona gente”, il Carpino Folk Festival e l'Archivio Sonoro della Puglia riporterrano in vita gli strepitosi gruppi di musicisti tradizionali che nell'inverno del 1967 al Teatro Lirico di Milano dimostrarono, con una straordinaria capacità di fascinazione, che "esistono, anche in Italia, modi diversi di fare musica, non scritta, ma non per questo meno valida". Accadrà martedì 3 agosto alle 22 nel Largo San Nicola di Carpino (Fg), appuntamento della quattordicessima edizione del “Carpino Folk Festival”, il festival della musica popolare e delle sue contaminazioni.

La manifestazione, prima in Italia a promuovere la tutela e la promozione delle ricchezze culturali immateriali, è promossa da: Assessorati al Mediterraneo e al Turismo della Regione Puglia, Provincia di Foggia, Comune di Carpino, Parco Nazionale del Gargano ed è organizzata nell’ambito del Five Festival Sud System dall'Associazione Culturale Carpino Folk Festival in collaborazione con l'Azienda di Promozione Turistica di Foggia e la Fondazione Banca del Monte Domenico Siniscalco Ceci di Foggia, e con il sostegno della birra Dreher che dal 1773 è sinonimo di tradizione, naturalità e genuinità.

SCHEDA Proiezione video/documento "Sentite buona gente" = Prima rappresentazione di canti, balli e spettacoli popolari italiani. A cura di Roberto Leydi con la collaborazione di Diego Carpitella, regia di Alberto Negrin. Si tratta di una testimonianza straordinaria di strepitosi gruppi di musicisti tradizionali, al massimo del loro vigore espressivo e performativo. Nel Programma dello spettacolo c'era scritto: "Le voci vive e vere dei contadini, dei pastori, dei montanari, degli operai di Carpino (Foggia), Ceriana (Imperia), Crema (Cremona), Maracalagonis (Cagliari), Nardò (Lecce), Orgosolo (Nuoro), San Giorgio di Resia (Udine) e Venaus (Torino), i loro balli, i loro strumenti, le manifestazioni della loro civiltà testimoniano della presenza attiva della cultura popolare nel mondo moderno. Ballate storiche, canzoni narrative, canti di lavoro, mutettus, stornelli, sos tenores, sunetti, la terapia musicale del tarantismo pugliese, la danza delle spade, il ballo tondo, la tarantella, la Resiana, launeddas, solittu, organetto, tamburello, violino, violoncello, chitarra, chitarra battente, triangolo".

Lo spettacolo aveva una doppia finalità dichiarata da Leydi:
- avvertire il grosso pubblico che "esistono, anche in Italia, modi diversi di fare musica, non scritta, ma non per questo meno valida"
- far cadere il vecchio adagio sulla legittimità di portare "fuori contesto" le espressioni musicali tradizionali. Infatti la spettacolarità intrinseca dei cantori cosiddetti popolari è una spettacolarità "universale", cioè valida anche al livello di altre classi sociali e diverse strutture economiche.

Le musiche degli autentici cantori e suonatori popolari dimostrarono in quella prima occasione del tutto decontestualizzata dal normale campo di azione, una forza comunicativa propria e una capacità di fascinazione tale da non richiedere la mediazione dei gruppi di riproposta. Da quel momento le strade del folk revival e degli spettacoli degli autentici informatori si divisero. La Puglia era rappresentata da ben due gruppi, i suonatori di Carpino (Andrea Sacco, Gaetano Basanisi, Rocco Di Mauro, Giuseppe Conforte, Angela Gentile e Antonio Di Cosimo) e i musici di Nardò (Luigi Stifani, Pasquale Zizzari, Giuseppe Ingusci e Salvatora Marzo “Za’ Tora”).

 Ufficio Stampa Carpino Folk Festival

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 1691

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.