Testa

 Oggi è :  20/02/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

19/06/2009

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

LA MISTERIOSA VIBRAZIONE DELLA TARANTA

Clicca per Ingrandire L'evento rientra nel progetto "Città Aperte" ed è organizzato dall'Azienda di Promozione Turistica di Foggia. Le musiche popolari del sud e in particolare quelle animate dalla misteriosa vibrazione ritmica della Taranta, sono caratterizzate da una precisione quasi matematica delle melodie sulle sequenze cicliche degli accordi.

L’orchestra sinfonica è il mezzo che per eccellenza sottolinea ed esalta questa caratteristica, e d’altra parte il passaggio dalle sonorità semplici degli strumenti popolari ai timbri e all’espressività dell’ensemble classico è già di per sé un percorso ardito, significativo e spettacolare. Anche perché è la musica classica a ricevere stimoli e spunti nel mettersi al servizio di melodie semplici e immediate che sono nate nell’esigenza di coinvolgere l’ascoltatore nel vortice ritmico, magico ed estenuante, segno fondamentale della musica di Taranta.

In questo lavoro musicale che ho chiamato Taranta Opera voglio rappresentare le melodie di cinque musicisti delle regioni meridionali che hanno composto negli ultimi decenni ballate e melodie degne di memoria. La prima citazione riguarda i Cantori di Carpino, dal mitico Andrea Sacco recentemente scomparso agli anziani Antonio Piccinino e Antonio Maccarone, interpreti e depositari della grande tradizione garganica delle serenate sul ritmo della tarantella.

Il secondo autore è Carlo D’Angiò con il quale ho diviso tanto cammino dalla fondazione della Nuova Compagnia di Canto Popolare (1969) e Musicanova (1976). È lui l’autore, fra l’altro, della melodia di “Brigante Se More” (vedi VIDEO della SETTIMANA; ndr), brano ormai celebre nelle ultime generazioni cantato dovunque nelle feste del sud e così efficacemente legato allo stile meridionale da essere ritenuto un canto popolare.

Il terzo autore è Matteo Salvatore, poeta aedo popolare di Apricena autore di intense melodie raccolte nella sua monumentale “Le quattro stagioni del Gargano”. Il quarto autore citato è Domenico Modugno, profondamente legato alla terra e alla poesia del sud soprattutto nelle sue composizioni dialettali che hanno lasciato il segno e suscitano entusiasmo nel vasto “popolo della Taranta” contemporaneo.

Infine, ci sono le mie composizioni, in particolare quelle legate al senso della melodia ritmica che caratterizza la musica del sud che mi appartiene e mi emoziona, e mi trasporta emotivamente dalle coste napoletane, pugliesi e calabresi ai porti e ai mercati delle altre sponde del mediterraneo.

Eugenio Bennato

NB. Accanto all’ Orchestra Sinfonica Città di Foggia ci saranno le voci soliste di M’Barka Ben Taleb, Sara Tramma, Silvia Cozzolino, Mohammead Ezzaime El Alaoui, Graziano Galatone, Sonia Totano. E le chitarre di Francesco Loccisano e Stefano Simonetta, con le percussioni di Walter Vivarelli e la partecipazione straordinaria di Pietra Montecorvino. L’orchestra, come detto, sarà quella del Conservatorio di Foggia diretta dal M.tro Gennaro Cappabianca, le musiche di I Cantori di Carpino, Carlo D’Angiò, Matteo Salvatore, Domenico Modugno, Eugenio Bennato. Scritture Orchestrali di: Antonello Paliotti e Carlo Frasca. Direzione Musicale di Eugenio Bennato.

Per info: 081-22.93.515 – 0881-70.86.48 - info@tarantapower.it -info@suonidalmondo.net - www.viaggiareinpuglia.it

 Redazione

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 3396

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.