Testa

 Oggi è :  17/02/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

27/05/2009

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

IL CALDO E GLI ANZIANI

Clicca per Ingrandire In queste ultime giornate di maggio che tutto sembrano meno che primaverili, non sottovalutiamo qualche consiglio indirizzato in particolare a chi ha una certa età. E cominciamo con la corretta conservazione dei farmaci.

Quando le temperature sono elevate, può capitare che alcuni principi attivi terapeutici dei medicinali provochino nei pazienti anziani delle reazioni indesiderate. Per questo è importante prestare attenzione ai farmaci che si usano e si hanno in casa, conservarli in modo corretto e segnalare per tempo gli effetti collaterali. Per esempio, alcune medicine possono accentuare gli effetti negativi del caldo, ma la sospensione della terapia, anche temporanea, deve essere sempre stabilita dal proprio medico. Per quanto riguarda la conservazione dei farmaci, è utile che gli anziani li tengano nelle scatole originali, lontani da fonti di calore e in estate, se è il caso, riposti in frigorifero. Spesso infatti i medicinali possono stare a temperatura ambiente, ma solo fino a quando la colonnina di mercurio non supera i 30°.

Conservare i farmaci nel modo appropriato è importantissimo per mantenere integre le proprietà curative dei medicinali e per preservare la salute, evitando pericolosi errori. Le principali accortezze, universalmente riconosciute, sono
• il conservare i farmaci lontano dalla portata dei bambini. A causa della loro abitudine di mettere tutto in bocca, i bambini possono facilmente intossicarsi. Inoltre, i farmaci sono spesso confezionati in dosi adatte ad un fisico adulto, più grande e più robusto, e sono quindi eccessive per l’organismo dei bambini
• il conservare i farmaci nella loro confezione originale. In questo modo, insieme alla singola dose di medicina, più difficilmente scambiabile per un’altra, è conservato il foglietto illustrativo e la data di scadenza del prodotto, oltre la quale il medicinale deve essere eliminato. In molte farmacie è disponibile un conenitore per la raccolta differenziata dei farmaci scaduti, che devono essere smaltiti in modo paraticolare
• il riporre i farmaci in un luogo lontano da fonti di calore e non esposto direttamente alla luce. Molti principi attivi sono delicati e possono perdere la loro efficacia se riscaldati. Altri prodotti sono invece "fotosensibili": la luce li decompone
• non riporre anche altre sostanze pericolose, come l’ammoniaca, la benzina o l’acetone, facilmente evaporabili o infiammabili, nell’armadio dei medicinali. I vapori che possono sprigionarsi sono in grado di alterare i principi attivi o le confezioni dei farmaci
• conservare i farmaci, in particolare le capsule o le pasticche, in luoghi asciutti e non in quelli umidi, come il bagno o il lavandino di cucina. La presenza di umidità può far perdere efficacia al farmaco
• a meno che non sia esplicitamente raccomandato sulla confezione, le medicine non devono essere riposte nel frigorifero né, tantomeno, nel congelatore. Generalmente, i farmaci devono essere conservati a temperatura ambiente, in ogni caso inferiore a 30°
• è opportuno non lasciare i farmaci dentro la macchina per molto tempo, sempre per evitare sbalzi di temperatura o di umidità.

Tra i più frequenti segnali di allarme di un’eventuale deterioramento dei prodotti vi sono il cambiamento del colore o della consistenza. Anche un sapore o un odore insolito può essere segno di alterazione del farmaco. Attenzione anche in viaggio, a portare i medicinali essenziali come parte del bagaglio a mano. Gli spazi degli aerei che sono adibiti al trasporto bagagli non hanno la temperatura controllata, che può oscillare tra il troppo caldo e il troppo freddo, con il rischio di inattivazione del farmaco all’inizio del vaiggio. Sempre durante i viaggi, è anche buona regola portare con se una copia della ricetta medica dei farmaci necessari, così da poterli acquistare anche in territorio straniero.

Le elevate temperature di questi giorni stanno facendo soffrire tutta Italia, e le persone anziane devono stare particolarmente attente alla loro salute: il loro corpo è meno abile nell'adattarsi alla temperatura attraverso i normali meccanismi di raffreddamento, come la sudorazione. In più, la dilatazione dei vasi sanguigni periferici, una normale reazione dell’organismo quando sale la temperatura, può comportare problemi per il cuore e per la circolazione.

E per quando arriveranno, manca poco, i mesi depositari del “vero” caldo ecco alcuni consigli che la Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale suggerisce per affrontare meglio il periodo estivo, modificando le normali abitudini giornaliere
• evitare di uscire fra le ore 12 e le 17. Sono queste le ore più calde della giornata che, nelle città, sono accompagnate da un aumento della concentrazione di ozono nell’aria che respiriamo
• mangiare molta frutta e verdura, cibi che contengono una grande percentuale di acqua: una pesca, per esempio, è composta di acqua per il 90%, un melone per l’80%. Ancora, meglio fare pasti leggeri, preferendo pasta e carboidrati rispetto a carni e formaggi fermentati
• bere molta acqua (almeno un litro e mezzo al giorno, di più se si svolge un'attività che comporta un'intensa sudorazione). È importante ricordarsi di bere anche se non si ha sete: l’intensità di questo "segnale di allarme" naturale dell’organismo diminuisce con l’avanzare dell’età, aumentando il pericolo di disidratazione
• evitare di bere alcolici, caffè, bevande gassate (che contengono caffeina) o zuccherate. Alcol e caffè sono infatti sostanze che hanno un effetto diuretico: l’acqua espulsa con l’urina non è disponibile per i processi di raffreddamento dell’organismo, quale la sudorazione. Vanno evitate anche le bevande troppo calde o troppo fredde: quelle calde hanno l’effetto di aumentare la temperatura corporea (per esempio, le minestre bollenti invernali) mentre quelle troppo fredde possono causare crampi e congestioni. La temperatura ideale di una buona bibita, quella che permette un veloce assorbimento e un giusto raffreddamento, dovrebbe essere attorno ai 10 gradi, né troppo fredda né troppo calda
• usare vestiti di colore chiaro e non aderenti, di cotone, di lino o di fibre naturali. I vestiti scuri o di materiale sintetico trattengono il calore. In casa, è meglio vestirsi in maniera "leggera", evitando però le correnti d'aria e i flussi diretti di ventilatori o condizionatori
• se la casa è rinfrescata con i climatizzatori, è importante pulirne i filtri periodicamente (sono un ricettacolo di polveri e batteri) e regolare la temperatura a 25-27°C, non troppo più bassa rispetto a quella esterna. Così si evitano i bruschi sbalzi di temperatura, spesso fonte di malesseri
• se si è affetti da diabete o ipertensione, o da altre patologie che implicano un'assunzione continua di farmaci, è importante consultare il proprio medico di famiglia per conoscere eventuali reazioni che possono essere provocate dalla combinazione caldo/farmaco o sole/farmaco. Tra le più frequenti, vi è l'eccessiva sensibilizzazione alla luce o i cali di pressione ed il rischio di svenimento. Anche l’uso di eventuali integratori di sali minerali deve essere concordato con il medico: potrebbero esservi pericolose interazioni sia con la patologia e che con i farmaci che si prendono abitualmente
• chi soffre di patologie bronco-polmonari deve evitare di passeggiare nelle ore più calde, bere più acqua della dose normalmente raccomandata ed evitare i bruschi sbalzi di temperatura corporea, come per esempio l'entrare sudati in un grande magazzino con l'aria condizionata. Se non si può evitare, è importante cercare di non respirare con la bocca aperta, ma solo con il naso, almeno nei primi minuti
• chi è affetto da diabete, deve esporsi al sole con molta cautela perché, a causa della possibile minor sensibilità al dolore, potrebbe ustionarsi anche in maniera seria.


 intrage.it

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 7439

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.