Testa

 Oggi è :  25/08/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

24/05/2009

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

PER LA SERIE “CONTINUIAMO A FARCI MALE”

Clicca per Ingrandire Il 26 aprile scorso, una domenica, nella sala Consiliare del Comune di Vico del Gargano, l'assessore all'Urbanistica Massimo Fiorentino ha invitato il vicepresidente della Società Sinergheia Gruppo Srl a illustrare alla cittadinanza il Progetto Pilota “Hospitis” - di cui la suddetta Società nazionale avrebbe l'incarico di attuare e gestire per un periodo di trenta anni - col preciso impegno della riqualificazione del Centro Storico nel rispetto assoluto delle tipologie dei luoghi e della sua identità storica.

Purtroppo, malgrado l'argomento avesse la prerogativa di poter risultare interessante, la presenza della cittadinanza vichese è stata praticamente nulla. Mah! Fra l'altro, mi risulta che era stata fatta anche un'adeguata e preventiva informazione dell'avvenimento. Certo è che non si riesce mai a capire come mai, di fronte a prospettive o proposte di un certo interesse, le dimostrazioni di attenzione siano sempre pressoché inesistenti da parte della cittadinanza. Neanche la naturale curiosità umana riesce a smuovere questo nostro popolo!

Così, un imbarazzato quanto costernato assessore all'Urbanistica ha preso la parola, quando si era inizialmente solo in sei o sette persone, per arrivare lentamente… all'astronomico numero di una quindicina di presenti, o poco più (ivi compresa una certa rappresentanza di amministratori, tecnici e associazioni). Comunque, a parte questa demoralizzante premessa, sono dell'idea che non bisognerebbe lasciarsi sfuggire questa che, sembrerebbe, una interessante opportunità per il nostro paese.

E' vero che negli anni passati siamo stati abituati a sentire spesso promesse, anche molto allettanti, presentate e prospettate pomposamente (vedasi albergo diffuso). Purtroppo però, fatta eccezione per un inutile sperpero di denaro pubblico e tanto fumo, non si è visto altro. Anzi, aggiungo che al danno si è sommata poi anche la beffa.

Forse qualcuno ricorda ancora gli spazi pubblicitari ricoperti con manifesti enormi dalle scritte altrettanto enormi: “Vico di pietra scolpita”. Fu omesso però che da li a poco, ci sarebbe stato gentilmente… donato “Vico, di pietra lavica scolpita”, inondandoci ben presto di orrida lava e nient'altro. Ma ritorniamo all'argomento di cui voglio parlare e in cui, magari, credere.

“Hospitis” è un Progetto Pilota di accoglienza turistica per 20 paesi della Puglia (Vico è uno di questi), che se affrontato in modo serio, concreto e determinato, potrebbe essere anche la panacea di tanti mali (lasciatemi un po' sognare!) che affliggono il nostro paese. Potrebbe essere addirittura la chiave di volta per riuscire a fermare lo scempio che purtroppo continua a perpetrarsi impunemente nel nostro centro storico. Potrebbe finalmente dare il giusto decoro e la giusta dignità a questo “angolo di storia” iniquamente calpestato.

Forse si potrebbe veramente riuscire a salvare quel che ne è ancora rimasto. Non solo, ma migliorare quello che è stato già danneggiato e, direi, profanato così da potersi veramente e finalmente annoverare, non solo a parole, fra “I Borghi più belli d'Italia”. Inoltre potrebbe rivelarsi una effettiva e concreta fonte di sviluppo, di lavoro e quindi di crescita per questo paese. Non è poco! Nella speranza che non vi siano poi… i soliti ignoti a remare contro.

Da osservatore critico devo però evidenziare, a mio avviso, cosa potrebbe essere motivo di un certo scetticismo. Innanzitutto devo premettere che ho notato fra gli amministratori presenti scarsa coesione e poca convinzione, con alcuni interventi che mi sono parsi anche un po' inopportuni e fuorvianti, invece di condividere e sostenere il collega proponente l'incontro e il Progetto.

Inoltre ritengo che, visti i presupposti, non sarà del tutto facile riuscire a mettere insieme un certo numero di proprietari di immobili. Eppure non sarebbe proprio un'impresa titanica! Infatti, affinché si possa partire, basterebbe reperire immobili per una disponibilità totale di un centinaio di posti letto. Sicuramente, temo, ci sarà la tendenza a preferire che siano gli altri ad andare avanti per poi essere, magari, pronti a saltare sul carro del vincitore qualora l'iniziativa dovesse avere risvolti positivi.

Spero sinceramente di sbagliarmi e mi piacerebbe che vi fosse subito un po' più di entusiasmo e, come incitamento, propongo alcuni opportuni consigli dello storico Lucien Febre, un po' datati ma ancora attuali: “Per fare storia volgete risolutamente la schiena al passato e, innanzi tutto, vivete (…) Non accontentatevi di osservare oziosamente dalla riva quel che avviene sul mare in tempesta. Rimboccatevi le maniche e aiutate i marinai nella manovra”.

E' certamente opportuno rimboccarsi, finalmente, le maniche e pensare che siano maturi i tempi di levarsi e predisporsi a una mentalità turisticamente più elevata, acquisendo velocemente alta professionalità di accoglienza per un turismo anche internazionale e di “elite”. Diversamente sarebbe un altro treno perso e le occasioni, vanno prese al volo.

Sarà possibile, finalmente, mostrare un po' più di entusiasmo e voglia di crescere? Voglio crederci!

Valentino Piccolo



 fuoriporta.info

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 979

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.