Testa

 Oggi è :  22/02/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

23/05/2009

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

“FERMATE IL MONDO, VOGLIO SCENDERE!”

Clicca per Ingrandire “Fermate il mondo, voglio scendere”, ripeteva uno spaesato Lando Buzzanca in un film degli anni settanta, quelli della contestazione giovanile. L’odierna corsa forsennata verso una crescita a tutti i costi, fa tornare di moda l’implorazione e assume sempre più gli aspetti di un’enorme montagna di panna montata. Appariscente, inconsistente e al limite dell’impazzimento. Se a un bambino, per fortuna, sono necessari ancora i classici nove mesi per venire al mondo, non è così ormai per qualsiasi altro tipo di organismo o per qualsivoglia processo di crescita socio-economico, relazionale, personale o comunitario che sia.

Sostenere la crescita oggi, nell’ambito di una rinnovata e necessaria sostenibilità, non può che tradursi in un sostanziale rallentamento dei suoi ritmi di marcia: correre più lentamente, per correre tutti insieme ed evitare sperequate fughe in avanti e consentire all’intera comunità di beneficiare del benessere del progresso. Rallentare per attenuare il salto mozzafiato della cataratta di un 20 percento del mondo, che consuma l’80 percento delle risorse a disposizione.

Con “Ecotium” il Distretto Culturale “Daunia Vetus” propone un ciclo di incontri dedicati all’Economia dell’Ozio. Un invito a coltivare la capacità alla rinuncia, a favore dell’allargamento di uno spazio d’azione della mente e del sentire comune. Un’occasione per discutere e riflettere su un nuovo modello di vita sociale che porti alla riscoperta del senso della misura, del vivere secondo parametri più umani e meno economici. Più salutari, più sobri e più rivolti alla salvaguardia del creato, che al suo vorace e inclemente consumo.

L’Otium di un tempo da dedicare alla speculazione intellettuale, che si innesta in una crescente domanda di Eco (dal greco ‘oikos’, ambiente), riassunta dalla inquietante e al tempo stesso dolcissima riflessione-domanda della scienziata indiana Vandana Shiva: “Non importa quante canzoni avete nel vostro Ipod, quante automobili ci sono nel vostro garage o quanti libri avete sui vostri scaffali. Cosa resta della vita senza un terreno fertile?”

Si comincia martedì 26 maggio 2009 a Pietramontecorvino (Fg), ore 18 Palazzo Ducale, col sociologo Franco Cassano: “Con gli occhi del Sud”. Il 13 giugno, invece, a Celenza Valfortore (Fg) sarà la volta di Maurizio Pallante, il teorico di punta italiano sul tema: “La decrescita come via d’uscita dalla recessione”, ore 18 Relais San Pietro. Per concludere il 24 settembre a Lucera (Fg) con Serge Latouche, l’indiscusso capostipite di queste tematiche, nonché professore emerito di Scienze Economiche all’Università di Parigi XI, ore 18 Auditorium Centro Comunità Giovanni Paolo II: “La decrescita. Una risposta conviviale alla crisi economica”.

Antonio V. Gelormini


 Redazione

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 1773

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.