Testa

 Oggi è :  17/02/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

12/05/2009

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

DUE LISTE PER CAMBIARE UN PAESE

Clicca per Ingrandire “Uniti per Sant'Agata è una coalizione di persone unite unicamente da un progetto - dichiara il candidato sindaco Giuseppe Gerardo Marchese. - Il nostro progetto è quello di rendere trasparente, partecipata ed efficace l'azione amministrativa a Sant'Agata di Puglia. E’ una coalizione di forze e di esperienze d’impegno che mette insieme persone dal percorso ideale e sociale differente, tanto da unire provenienze diverse”. A 72 ore dalla presentazione ufficiale delle liste, il candidato sindaco torna sulla composizione del gruppo di candidati (foto del titolo; ndr) che assieme a lui concorrono con idee e progetti per risollevare le sorti di Sant’Agata di Puglia.

“Abbiamo raccolto adesioni che vanno oltre gli steccati dell’appartenenza a questo o a quel partito - continua. - Il punto d’incontro è nel nostro programma: lo abbiamo discusso, emendato, sottoscritto e presentato ai cittadini come la prima pietra su cui edificare un nuovo modo di amministrare”. Le priorità sono chiare e scritte nero su bianco: rinegoziare le convenzioni per l’eolico, eliminare gli sprechi che hanno portato il paese sull’orlo del dissesto e restituire l’Amministrazione comunale a una gestione trasparente e partecipata dai cittadini.

“Non è accettabile - prosegue - che un paese di circa 2.500 abitanti abbia un debito di oltre 10 milioni di euro. Non è accettabile che, a fronte di una vera e propria crocifissione del territorio con pale installate ovunque, il Comune di Sant’Agata abbia una percentuale risibile dei ricavi inerenti i parchi eolici: 1,5 percento. Ripeto, il nostro territorio non può essere svenduto. Sull’eolico il modello deve essere quello della gestione diretta degli impianti”.

Dalla rinegoziazione dell’eolico e grazie a una gestione più oculata delle finanze comunali, “Uniti per Sant’Agata” ritiene sia un obiettivo assolutamente alla portata stabilizzare i precari della municipalizzata con l’adeguamento dei contratti e la creazione diretta di posti di lavoro derivanti dalla gestione dei parchi. “Dopo 10 anni, c’è bisogno di vero cambiamento – conclude. - Il nostro sarà un governo cittadino aperto al confronto e alla collaborazione con tutte le forze attive della società santagatese”.

Fin qui il comunicato di “Uniti per Sant’Agata”, lista civica di centro-sinistra che mette insieme anche esponenti di altre aree politiche. Sull’altro versante, a contendere a Marchese (commercialista e revisore dei conti alla sua prima esperienza politica) il voto dei poco più di 2mila abitanti del paese dauno, c’è però Lorenzo Russo, vice sindaco uscente, direttore generale dei servizi amministrativi all’Istituto comprensivo di Sant’Agata-Accadia, che guida un’altra civica, ma di centro-destra: “Sant’Agata nel 2000”. I suoi candidati consiglieri sono: Francesco Carrillo, Leonardo Carrillo, Gaetano Danza, Gaetano Contillo, Leonardo Lavilla, Marianna Maruotti, Filomena Iuspa, Nicola Tridentino, Antonio Palazzo, Nicola Donofrio, Savino Schiavone, Nicola Cristiano.

 Redazione

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 1054

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.