Testa

 Oggi è :  13/11/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

03/05/2009

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

MANCA POCO E SOLO FILM IN PC

Clicca per Ingrandire Secondo una recente ricerca della Microsoft, entro il 2010 il numero di computer quotidianamente connessi a Internet supererà le tivù accese e la Rete diventerà il mezzo di comunicazione più utilizzato al Mondo. Forse anche per questo, Google ha annunciato l'avvio di una partnership con alcuni studi cinematografici e televisivi per la distribuzione di contenuti su YouTube, cui sarà dedicata una sezione Premium allo scopo di incrementare le entrate pubblicitarie della divisione YouTube. E così Sony, CBS, MGM, Lionsgate, Starz e BBC proporranno film, telefilm, cartoons e spettacoli televisivi in alta qualità.

L'accordo con Google giunge dopo un periodo sicuramente non positivo, costellato da numerose critiche legate alla presenza illecita di materiale protetto da copyright su YouTube. I nuovi contenuti saranno supportati da pubblicitari e i ricavi divisi tra Google e i fornitori dei video. In questo modo il colosso di Mountain View cerca finalmente di rientrare nell'investimento YouTube che stando alle stime degli analisti, potrebbe risentire della crisi finanziaria. Secondo alcuni esperti del settore infatti, a causa del consumo di banda, delle spese per le licenze e altre uscite, YouTube avrebbe registrato nel corso dell'ultimo anno una perdita di 500 milioni di dollari.

Per mettere in evidenza la nuova sezione premium, Google potrebbe operare un “restyling” del sito di YouTube, anche se i video generati dagli utenti continueranno a costituire il fulcro del servizio. Almeno inizialmente la nuova offerta, consistente in circa settecento film e migliaia di altri contenuti, sarà disponibile solamente per gli utenti americani, e andrà a opporsi direttamente al servizio internet rivale di NBC Universal e Fox, che trasmette in diretta negli Stati Uniti numerosi show e spettacoli televisivi. Quale, allora, la prospettiva? Semplice: dalle nostre case spariranno i televisori e vedremo tutto in Rete. Qualcuno dovrà pure rassegnarsi.

Domenico Ottaviano

 Punto di Stella - mensile d'informazione del gargano - MAGGIO 2009

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 491

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.