Testa

 Oggi è :  18/09/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

29/04/2009

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

MUSEO SIPONTINO, LUOGO DELLA NARRAZIONE

Clicca per Ingrandire Riapre venerdì 8 maggio il Museo Etnografico Sipontino. Nato agli inizi degli anni ’70, dal progetto del prof. Michele Melillo, il Museo ha rappresentato per oltre trent’anni un importante punto di riferimento per la conservazione e la tradizione della memoria storica del territorio. Oggi, dopo l’importante progetto di adeguamento funzionale curato dalla Società Upping e cofinanziato nell’ambito dell’iniziativa Comunitaria Leader+ dal Gal DaunOfantino - progetto che ha visto lo studio del nuovo allestimento espositivo, l’ideazione del piano di visibilità museale e la pubblicazione del Catalogo - il Museo è divenuto un vero e proprio “luogo di narrazione” dove il visitatore è condotto in una esperienza emotiva del passato alla riscoperta del legame affettivo con le proprie origini.

Il percorso museale è stato pensato per conservare e tramandare il patrimonio culturale della civiltà contadina, rispettandone consuetudini, ideali, sentimenti. Nelle diverse sezioni è raccontata la semplice e mirabile vita di contadini, pescatori, artigiani, in una lettura significativa per una conoscenza più intima della storia materiale di Manfredonia. Oggetti, arnesi, arredi, ambienti, raggruppati con precisa ricostruzione, creano una emozione inaspettata per una semplicità e per un'epoca estranee a noi, eppure dentro di noi.

Il Museo Etnografico diventa, allora, l'affascinante libro della gente comune, che viveva seguendo il ciclo delle stagioni, delle ricorrenze religiose, delle fatiche dei campi. La famiglia patriarcale costituiva il punto di riferimento in una comunità fortemente legata ai principi tradizionali e assumeva un ruolo fondamentale nella crescita privata e pubblica. Il lavoro, umile e duro, imponeva sacrifici, rivelava abilità, conferiva senso etico alla quotidianità. La storia "minore" del cosmo contadino e popolare rivela un'incredibile dignità e diventa mito.

Il Museo Etnografico Sipontino è, oggi più che mai, una preziosa presenza storica e sociale, una testimonianza culturale di valenza universale nel momento in cui si pone quale "teca" di una civiltà.


PROGRAMMA - Venerdì 8 Maggio 2009, ore 18, Manfredonia – Siponto, Sala Conferenze Casa di Riposo “Stella Maris”. A seguire inaugurazione e visita del Museo Etnografico Sipontino

Saluti: Giandiego Gatta, presidente Parco Nazionale del Gargano, Nicola Vascello, assessore al Turismo della Provincia di Foggia, Antonio Falcone, direttore del Gal DaunOfantino, Ginevra D’Onofrio, Soprintendenza ai Beni Archeologici della Puglia.

Interventi: Cristanziano Serricchio, scrittore e saggista, Paolo Cascavilla, assessore alla Cultura della Città di Manfredonia. Modera: Michele Apollonio, giornalista

 Comunicato

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 749

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.