Testa

 Oggi è :  16/06/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

07/04/2009

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

“CRONO” E” TORNATO DALL”INFERNO

Clicca per Ingrandire Un saluto a tutti. Per fortuna qualcuno da lassù mi ha dato la possibilità di essere qui ora, davanti a questo computer, a scrivere su questo blog. Volevo precisare che il tecnico che fece, giorni fa, la previsione del terremoto si riferiva però alla città di Sulmona e non L'Aquila.

Tornando alla situazione nella città vi dico che è uno scenario apocalittico, indescrivibile, così come quella scossa interminabile, potentissima e disastrosa; un plauso va a vigili del fuoco, medici, poliziotti, carabinieri, soldati, protezione civile e tutti gli altri corpi che stanno operando nella zona con i massimi sforzi; tornando a Carpino posso dire di aver contato una cinquantina o più di mezzi di soccorso diretti verso l'aquilano.

Gli aquilani sono smarriti, hanno perso la casa, non hanno più un posto dove dormire, dove mangiare, dove vivere. Io ero sveglio a quell'ora, e insieme ai miei coinquilini stavo giocando a tressette nella cucina di casa. Un segno premonitore ci aveva detto di restare svegli questa notte maledetta. La mia abitazione non si trova nel centro storico fortunatamente ma ha subìto comunque danni seri così come tutte le case che ho potuto vedere nella fredda notte.

La scena che rimarrà impressa per sempre nella mia mente è quella che mi si è proiettata dinanzi quando sono uscito con foga dal mio palazzo e ho visto davanti a me, nel cielo, lontano, polvere… tanta polvere che saliva nel cielo... le abitazioni del centro storico stavano crollando, il campanile della basilica di San Bernardino è seriamente danneggiato così come tutta la struttura e altri edifici storici della città. Ci sono anche tanti studenti “Erasmus” oltre a quelli italiani.

La casa dello studente è in condizioni disastrose e sta per crollare; conosco un ragazzo, Gallo Luca di Cagnano V.no, che ci abitava, ma non so se al momento del cataclisma si trovava nell'abitazione. Non ho avuto il coraggio di andare nella zona centrale di L'Aquila, ma qualche scatto l'ho potuto fare nel mio quartiere quando il sole è sorto... e intanto la terra continuava (e continua) a tremare (120 scosse al momento dopo quella più disastrosa).

Al momento in cui scrivo le vittime sono circa 100 (oggi, 07/04, siamo già a 180; ndr) ma saliranno ancora di qualche centinaio di unità sicuramente. Per ora è tutto.

Domenico Sergio Antonacci


 Magazine Carpino Folk Festival (foto Domenico S. Antonacci e Antonio Di Bari - http://carpinofolkfestival.splinder.com/)

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 672

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.