Testa

 Oggi è :  04/06/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

05/04/2009

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

CURIOSITA PASQUALI: L”UOVO ALL”OLIO DI OLIVA

Clicca per Ingrandire Arriva il primo uovo di Pasqua all'olio di oliva che unisce con gusto l'effetto buonumore riconosciuto dagli scienziati al cioccolato fondente con le proprietà salutari dell'olio di oliva italiano. A riferirlo è la Coldiretti sottolineando che si tratta di "una vera sorpresa per la Pasqua 2009 presentata al Vinitaly/Sol da un olivicoltore marchigiano". L'uovo, esposto nello stand Coldiretti, "ha destato particolare interesse tra gli ospiti della rassegna alla ricerca di curiosità per l'imminente festività".

La realizzazione del dolce simbolo della Pasqua con l'insolita unione tra due dei prodotti più amati dagli italiani, "dimostra la grande capacità degli imprenditori agricoli di conciliare l'innovazione col rispetto delle tradizioni, che - afferma ancora la Coldiretti - è alla base del successo del ‘made-in-Italy’ sulle tavole di tutto il mondo".

"L'uovo di Pasqua di cioccolato fondente all'olio di oliva ha - precisa la Coldiretti - un profumo intenso con i sapori che si fondono piacevolmente nel palato in un mix speciale che lascia un delicato retrogusto. Una volta terminato l'uovo, non finiscono però le sorprese grazie al regalo nascosto all'interno: un’ottima bottiglia di olio di oliva da consumare anche dopo le feste".

Ma non è tutto. Secondo un sondaggio realizzato da Winenews e Vinitaly, su circa 1.314 'enonauti', ovvero appassionati di vino e web, spesso ad accompagnare l'uovo di cioccolato è lo spumante. Insomma, il consumo di 'bollicine' sembra ormai sdoganato dalle festività di fine anno e 'spalmato' lungo tutto l'arco dei dodici mesi, Pasqua in testa. Secondo l'indagine, tra gli spumanti più gettonati dagli eno-appassionati per questo periodo, quelli del Trento Doc, a seguire, sulle tavole degli italiani a Pasqua saranno protagonisti i grandi rossi della tradizione.

Ma sulla tavola della Pasqua risultano particolarmente gettonati anche i grandi vini rossi. Insieme all'agnello, alle torte salate, alle uova e alle centinaia di ricette regionali faranno bella mostra di sé le etichette cult dell'enologia italiana. In primis, sottolinea il sondaggio, Chianti Classico, Brunello di Montalcino e Barbaresco, capaci di garantire elevata qualità e versatilità di abbinamento coi piatti evergreen della cucina ‘made-in-Italy’. A seguire Barolo, Nobile di Montepulciano, Amarone e Taurasi.

Il sondaggio di Winenews e Vinitaly mette in luce anche una singolare modalità di approvvigionamento fai-da-te per i vini della tavola di Pasqua. In tempo di crisi gli amanti del buon bere fanno soprattutto affidamento sulle riserve di bottiglie personali, messe da parte con spirito da 'formica' negli anni scorsi, quando ancora la congiuntura economica era positiva. L'indagine rileva infatti la tendenza predominante di bere bottiglie già presenti in cantina. Ben il 64 percento attingerà infatti a quella preziosa 'scorta' di etichette accantonata nella propria cantina; il 36 si recherà invece al supermercato o in enoteca, spendendo in media dai 15 ai 25 euro.





 Adnkronos

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 3121

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.