Testa

 Oggi è :  22/11/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

21/03/2009

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

EMERGENZA RIFIUTI: IL 31 CHIUDE LA DISCARICA DI VIESTE

Clicca per Ingrandire Il ciclo dei rifiuti nell’ATO FG1 ha raggiunto un livello di criticità tale da imporre, innanzitutto alla Provincia, lo studio e l’adozione di un programma concertato di gestione dell’emergenza che scaturirà dalla inevitabile chiusura della discarica di Vieste. E’ in estrema sintesi l’esito dell’incontro svoltosi nel pomeriggio di giovedì nella sede dell’Unione provinciale, sul delicato tema della gestione del sistema di stoccaggio e smaltimento cui hanno partecipato: Aldo Ragni, responsabile provinciale Organizzazione; Peppino Marcucci, responsabile provinciale Enti locali; sindaci e segretari del Pd dei Comuni garganici che compongono il bacino Foggia1, presenti, tra gli altri, i primi cittadini di Apricena, San Marco in Lamis, Vico del Gargano e l’assessore all’Ambiente di San Nicandro Garganico, il coordinatore provinciale dell’Assoato e presidente dell’ATO FG4, Matteo Valentino, il sindaco di Deliceto e presidente dell’ATO FG5, Benito Nigro.

L’urgenza di imprimere una svolta alla “governance” del ciclo dei rifiuti dipende dalla paventata chiusura della discarica di Vieste il prossimo 31 marzo. “Tale rischio è scongiurabile solo se, entro lo stesso termine, la Provincia autorizzi il progetto di sopralevazione del ‘panettone’ - ha spiegato Vito Zuccarino, sindaco di Apricena - che l’Amministrazione comunale di Vieste ha formalmente presentato lunedì scorso”.

Tale intervento emergenziale, però, rinvierebbe la chiusura definitiva dell’impianto al 30 settembre. “A partire da quella data - ha sottolineato il sindaco di San Marco in Lamis, Michelangelo Lombardi, - l’emergenza è inevitabile ed è nostro dovere, unitamente all’Amministrazione provinciale, elaborare soluzioni per ridurre l’impatto finanziario sui bilanci comunali e sui fondi che l’ATO avrà a disposizione per la pianficazione d’ambito e l’incremento della raccolta differenziata”. Per ridurre l’impatto della crisi, “occorre accelerare e sostenere, prima a Palazzo Dogana poi in Regione Puglia, il percorso amministrativo intrapreso dall’Amministrazione comunale di San Nicandro Garganico per l’individuazione del sito idoneo ad accogliere l’impianto di biostabilizzazione e la discarica di soccorso”, ha aggiunto Luigi Damiani, sindaco di Vico del Gargano.

A questo proposito, l’assessore all’Ambiente di San Nicandro, Riccardo Tricarico, ha ribadito quanto già affermato in occasione di altri incontri istituzionali: “Entro la fine del mese, il Consiglio comunale si pronuncerà sullo studio di fattibilità già sottoposto al vaglio della cittadinanza. Convinti come siamo che si tratti di un’opportunità di sviluppo e occupazione, ci auguriamo di ottenere il via libera alla realizzazione dell’impianto; ma fronteggiamo l’opposizione strumentale e preconcetta del centrodestra cittadino, la cui azione di contrasto potrebbe avere effetti negativi anche sull’atteggiamento della Giunta provinciale, a cui dobbiamo chiedere un chiaro e netto pronunciamento sulla destinazione dell’impianto sannicandrese a servizio dell’intero ATO FG1”.

Quanto è accaduto e accadrà nel bacino garganico è “il risultato di un insieme di criticità che, un po’ ovunque, i Comuni e le Province fanno fatica ad affrontare”, ha affermato Matteo Valentino, riferendosi ai problemi connessi a: localizzazione degli impianti; definizione degli assetti e dei compiti degli organismi di gestione; programmazione finanziaria. “Quando, a causa dei ritardi, si precipita nell’emergenza - ha aggiunto Benito Nigro - rischiano di essere travolte anche le buone prassi amministrative ed è un lusso che non possiamo permetterci”. “Ciò che abbiamo smarrito è il senso, anche politico e culturale oltre che amministrativo, della sfida a gestire con efficienza ed economicità un servizio essenziale”, è stato il commento di Antonio Trombetta, presidente provinciale del CNA.

Sfida che, a parere di Peppino Marcucci, “tocca al partito rilanciare, sostenendo e, nel caso, assistendo i sindaci e gli amministratori in un’azione che attribuisca alla politica il primato della programmazione e della pianificazione”. “Al punto in cui siamo arrivati nell’ATO FG1, non è più possibile tergiversare, come l’Amministrazione comunale di Vieste ha fatto e continua colpevolmente a fare - ha concluso Aldo Ragni - ed è nostro dovere incalzare tutti gli attori istituzionali, di qualunque colore siano, ad attivarsi in tempo utile e con coerenza per pianificare la gestione dell’emergenza”.

 Comunicato

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 824

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.