Testa

 Oggi è :  19/09/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

19/03/2009

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

IL DISABILE SCULTORE

Clicca per Ingrandire C’è anche lo scultore carlantinese Felice Tagliaferri nell’elenco dei personaggi che saranno insigniti del “Premio Internazionale Daunia 2008” giunto alla sesta edizione. Sabato 21, con inizio alle 16, nell’auditorium Amgas di Foggia, l’associazione culturale “Icaro”, presieduta da Giancarlo Roma, premierà fra gli altri il più grande scultore non vedente italiano. Nato a Carlantino e cieco dall’età di 14 anni, Tagliaferri è protagonista di una storia tanto assurda quanto straordinaria.

Felice, grazie proprio alla sua cecità, ha i polpastrelli dotati di una sensibilità fuori da ogni immaginazione, mentre il suo cervello disegna le immagini solo ascoltando suoni, parole o sensazioni. Oggi, l’artista dirige la Chiesa dell’Arte di Sala Bolognese dove insegna scultura. Le sue opere più importanti sono in marmo o in pietra, e l’opera più bella è “La sete della Madonna”, una madonna che beve alta due metri e mezzo.

Tra i suoi lavori vanno ricordate la statuetta di creta raffigurante un cane lupo e regalata a un paese siciliano, Alì Marina, dov’è nata una scuola di cani guida per ciechi, e la “lupa” di Roma, regalata all’A.S. Roma. Felice ha esposto le sue opere in decine di mostre in diverse città italiane. “Un premio che onora Felice ma anche tutti i carlantinesi”, ha dichiarato il sindaco Vito Guerrera che sarà presente alla cerimonia.

Oltre al primo cittadino interverranno alla manifestazione anche Elena Gentile, assessore regionale alla Solidarietà Sociale, Antonio Pepe, presidente della Provincia di Foggia, e Orazio Ciliberti, sindaco di Foggia. L’attore e regista di origini foggiane, Michele Placido, riceverà un premio speciale mentre l’artista Ninni Maina e il parlamentare Giuseppe Tatarella riceveranno un premio alla memoria.

Felice Tagliaferri è uno dei protagonisti del libro scritto dal giornalista scomparso pochi giorni fa, Candido Cannavò (nella foto con l'artista; ndr), dal titolo “E li chiamano disabili”. Questo libro, diviso in tredici capitoli di cui uno interamente sullo scultore di Carlantino, Cannavò l’ha voluto dedicare a quelle persone che hanno saputo trasformare la loro disabilita in un qualcosa di positivo, un omaggio a quei personaggi che da una posizione differente e svantaggiata hanno dimostrato di essere in grado di insegnarci volontà e forza vitale.

 Uff. Stampa Comune Carlantino

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 1455

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.