Testa

 Oggi è :  16/02/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

26/02/2009

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

IL SOLITO SUD DIMENTICATO?

Clicca per Ingrandire “Il Governo si appresta ad assestare un altro duro colpo al Mezzogiorno con la decisione di non finanziare il Contratto di Programma per la realizzazione dell’Alta Capacità ferroviaria tra Bari e Napoli”. E’ il commento del segretario provinciale del PD, Paolo Campo, e del capogruppo in Consiglio provinciale, Antonio Prencipe, alla notizia che l’opera non sarà inserita nella prossima delibera CIPE per il finanziamento delle grandi infrastrutture.

“Quando era in carica il Governo Prodi - continua Campo - la riqualificazione dell'itinerario Napoli-Bari costituiva uno dei progetti fondamentali per lo sviluppo del Sud e per la sua più efficace interazione economica e sociale in ambito europeo. Oggi è toccato proprio al ministro pugliese Raffaele Fitto annunciare il taglio dell’investimento, oltre 4 miliardi e mezzo di euro, che avrebbero prodotto immediatamente lavoro ed economia”.

Le conseguenze per la Capitanata sono: la mancata realizzazione della bretella di collegamento diretto tra Orsara e la linea Adriatica; la costruzione della nuova tratta tra Apice e Orsara; il raddoppio della linea Orsara-Cervaro. Opere incluse nel Contratto di Programma 2007-2011, sottoscritto da Governo e Regioni Puglia-Campania, la cui attuazione “è ora bruscamente interrotta - afferma Antonio Prencipe - per lasciare spazio al sogno faraonico del premier di realizzare il ponte sullo stretto di Messina, a scapito anche delle imprese foggiane”.

Infatti, la realizzazione dell’Alta Capacità ha un ruolo centrale del sistema integrato di logistica e trasporti nell’obiettivo di indirizzo strategico ‘Reti e mobilità’ della Pianificazione strategica di Area vasta Capitanata 2020. “Non è possibile assistere inermi a questo continuo stillicidio di notizie negative per il Sud e per la nostra provincia - conclude Paolo Campo. - E’ ormai inderogabile assumere iniziative, anche clamorose, per contrastare il processo di marginalizzazione della Capitanata messo in atto dal Governo, superando anche l’inerzia amministrativa e l’inefficacia politica dell’attuale Amministrazione provinciale”.

Infine, Paolo Campo commenta così la nomina della senatrice foggiana Colomba Mongiello a responsabile nazionale dell’area tematica Agricoltura: “Valorizza il suo impegno istituzionale e testimonia l’attenzione del segretario nazionale verso la Capitanata. In questo particolare momento - continua - a Colomba è stata assegnata una responsabilità gravosa: coordinare l’elaborazione di politiche agricole capaci di far emergere dalla crisi il nostro settore primario contrastando con fermezza il tentativo del Governo di privare l’agricoltura degli strumenti finanziari minimi per la sua sopravvivenza, e promuovendo interventi strutturali di riqualificazione dell’intera filiera agroalimentare.

“Inoltre - aggiunge - potrà essere ripresa con maggiore vigore la battaglia per l’attivazione a Foggia della sede dell’Agenzia nazionale per la sicurezza alimentare, pervicacemente negata dal Governo, anche a causa dell’inerzia dei parlamentari della destra foggiana. Il lavoro non le mancherà - conclude - ma conosco bene le qualità politiche e la determinazione con cui Colomba Mongiello ha saputo vincere le sfide che l’hanno portata dalla militanza di base a incarichi di così alto prestigio, politico e istituzionale”.

 Coordinatore PD Capitanata

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 839

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.