Testa

 Oggi è :  14/11/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

21/02/2009

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

DUE CONCORSI LETTERARI FRA I MONTI DAUNI

Clicca per Ingrandire ROSETO =
E’ stato pubblicato il bando per la quarta edizione del “Premio Lupo”, il concorso di scrittura patrocinato da Regione Puglia e Provincia di Foggia che mette insieme 7 comuni dei Monti Dauni: Roseto Valfortore, Alberona, Biccari, Bovino, Castelluccio Valmaggiore, Deliceto e Faeto. Il concorso di scrittura ideato tre anni fa ha un duplice obiettivo: da un lato, si propone di valorizzare il patrimonio di storia e cultura rappresentato dai comuni dei Monti Dauni; dall’altro, intende essere un utile strumento per invogliare giovani e meno giovani a esercitare la propria creatività e usarla per promuovere paesi, tradizioni e valori che rappresentano le radici culturali di un vasto territorio.

Sono due le sezioni del concorso: i giovani partecipanti, compresi nella fascia d’età dai 13 ai 18 anni, potranno vincere un PC portatile, una videocamera digitale e un iPod. Gli adulti, invece, concorreranno per l’assegnazione dei premi da 1000, 700 e 500 euro. Il bando di partecipazione è scaricabile consultando le pagine web ufficiali del concorso sul sito: www.premiolupo.it. Nel 2008 sono state le donne a dominare la scena del premio: per la sezione “adulti”, il primo gradino del podio è stato raggiunto da Maria Cristina Sacchetti con “A spasso nel tempo”; per i giovani, invece, l’opera migliore è stata quella di Chiara Grieco con “I mesi del Sud”.

Il dominio del gentil sesso, nel 2008, è stato confermato dai secondi posti di Lucia Sallustio (sezione adulti, con l’opera “Al poggio”) e della giovane Elisa Notarangelo grazie al racconto intitolato “La grande paura del monte”. Ex aequo per il terzo gradino del podio della sezione adulti che è andata a Paolo Pergolati, con “Gocce di Luna”, e a Rosario Biagio Castronuovo con “Il Barone”.

Alla scorsa edizione del “Premio Lupo” hanno partecipato 60 persone: 46 adulti e 14 ragazzi compresi nella fascia d’età che va dai 13 ai 28 anni. Le loro storie, i loro racconti, hanno il pregio di navigare con le parole tra i colori e le onde emotive che il paesaggio e la cultura dei Monti Dauni riescono a suscitare nell’animo. Il concorso, infatti, è riservato a quanti hanno la voglia e l’amore di narrare vicende e piccole storie che abbiano come ispirazione i paesi dell’entroterra di Capitanata.

Info press: Pasquale Antonio Frisi, 329.0826352 - associazionesaturnia@libero.it



ALBERONA =
Col bando di partecipazione si apre ufficialmente la 4.a edizione del premio internazionale di poesia “Borgo di Alberona”. Possono partecipare tutti i poeti residenti in Italia e all’estero presentando testi in lingua italiana. Per la “Poesia edita”, ogni concorrente può partecipare con un volume di liriche edito nell’ultimo quinquennio (2004-2008). Per la sezione degli inediti, si possono presentare tre componimenti. I volumi di poesia dovranno pervenire in 9 copie, all’interno di plico raccomandato, entro e non oltre il 30 aprile 2009, all’indirizzo del dott. Camillo De Martinis, segretario organizzativo del Premio, presso il Comune di Alberona, Assessorato a Turismo e Cultura, via stradale Lucera 1, 71031 Alberona (Foggia). Per informazioni, 0881.592152, fax 0881 592151. Non è richiesta alcuna tassa di lettura.

La cerimonia di premiazione avrà luogo il 23 agosto 2009. I vincitori, che saranno avvertiti personalmente, dovranno assicurare, con telegramma o comunicazione a mezzo fax (0881.592151), la loro presenza alla cerimonia conclusiva. L’inosservanza di tale norma comporterà la perdita del diritto di assegnazione del Premio. Per la poesia edita, al vincitore del primo premio saranno assegnati 1.000 euro, al secondo e al terzo 500 euro. Per la poesia inedita, al primo classificato saranno assegnati 500 euro, al secondo 300 euro e al terzo 200 euro. Agli autori premiati saranno rimborsate le spese di viaggio. Le opere inviate, anche se non premiate, non saranno restituite.

“Il suo è un temperamento lirico di alto valore: la sua produzione è forbitissima ed è piena di genialità e inventiva". Così Pier Paolo Pasolini definiva il valore assoluto di Giacomo Strizzi e la capacità del poeta alberonese di descrivere luoghi, emozioni e sentimenti. Giacomo Strizzi, insegnante elementare scomparso nel 1961, ha rappresentato l’espressione più alta della tradizione letteraria di Alberona. Ma la vocazione poetica alberonese ha avuto anche un altro grande interprete. Si tratta di Vincenzo D’Alterio che, dalla sua casa che affacciava sul corso principale del paese, muoveva lo sguardo verso viuzze e colline nutrendo la propria ispirazione.

La tradizione lirica di Alberona, alla quale Camillo Civetta e la Società di Storia Patria hanno dedicato un’antologia, non è una leggenda né una virtù legata a pochi alberonesi illustri, ma un dato culturale talmente legato alle radici del paese da aver dato vita, nel ‘900, a una pubblicazione specifica: la “Gazzetta letteraria alberonese”, ancora conservata nell’Antiquarium comunale. Nei primi tre anni, sono stati complessivamente 400 i partecipanti al premio, con poesie e invitati provenienti da 20 diversi paesi del mondo.



 Uff. Stampa Comuni Roseto e Alberona

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 1951

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.