Testa

 Oggi è :  17/02/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

09/02/2009

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

ELUANA E GELORMINI: LE REAZIONI

Clicca per Ingrandire In redazione avevamo scelto di non parlare del caso-Englaro, semplicemente perché lo ritenevamo troppo privato, troppo intimo, per metterci il becco. Poi è arrivata la riflessione del “nostro“ puntualissimo editorialista e… a Gelormini non si può dire di no. Così s’è deciso di fare uno strappo alla regola e finirla lì. Invece… E invece la serie di commenti e lettere, in particolare queste ultime, ci ha convinto a socchiudere, anche se per un solo istante, l’uscio di una condizione esistenziale che continua a lasciarci basiti, per se stessa e per le reazioni, umane politiche etiche comportamentali, che sta scatenando. E lo facciamo con le reazioni che ci vengono dai nostri lettori fra le cui decine di riflessioni abbiamo scelto la testimonianza che in buona sostanza le riassume tutte - proprio perché coinvolge entrambi i protagonisti che stanno dividendo il Paese - esprimendo la personale visione della vicenda. E’ del sig. Tommaso Tavaglione.

“AL PREMIER - Grazie Silvio. Quando ti abbiamo votato, sulla scia della delusione per la precedente compagine di governo, ti abbiamo scelto come il male minore. Con il senno di poi ci rendiamo conto che, in questa fase storica, sei la persona giusta per rappresentarci. Il Presidente della Repubblica ha tra i suoi ruoli anche quello di dichiarare lo stato di guerra, a condizione che lo abbiano deliberato le Camere. Il suo ruolo è quindi quello di ratificare le scelte di Parlamento e Governo. Credo che non abbia il diritto di entrare nel merito delle decisioni prese da organi eletti direttamente dal popolo.

“E’ la stessa Costituzione della Repubblica Italiana, cioè la mamma di tutte le leggi, che con l’articolo 138 mette in discussione se stessa: a parte la forma repubblicana dello Stato, tutto può essere oggetto di revisione. Certo, l’iter è particolare, ma in democrazia tutto è possibile. La nostra Carta è stata scritta sull’ondata emotiva di un popolo che usciva da una dittatura e da una guerra persa. I padri costituenti avevano il “pizzino” che veniva da Mosca. Dopo 60 anni non è uno scandalo definirla anacronistica e volerla rivedere.

“AL PADRE DI ELUANA - Scusa Beppino. Non so quanti anni hai, ma mi permetto di darti del tu. L’altra sera, tardi, ho visto un film il cui protagonista era un bimbo di cinque anni affetto da un male incurabile. Siccome avevo sonno e non mi funziona l’interruttore, alla fine del primo tempo, volevo... "staccare la spina" e andarmene a dormire. Ho cambiato idea e ho seguito la seconda parte... Il bimbo adesso ha 19 anni e i suoi angeli custodi la notte giocano a girotondo con quelli di Eluana.

“Scusa se mi permetto, ma dopo 17 anni di calvario credo che tu non sia abbastanza sereno per una scelta che noi comprendiamo, ma non possiamo condividere assolutamente. In questi anni hai sofferto, lottato, pregato e combattuto. Sei stanco. Stai sbagliando! Non lasciarti condizionare da quei quattro gatti con le bandiere rosse che si stanno agitando un po’ dappertutto. Quelli che sono vicini a voi, quelli che vivono con voi questa storia, quelli che sperano e pregano con voi lo fanno in silenzio, lontano dalle telecamere.

“Anche se sei stanco, tieni duro, anche se hai sonno, provaci, non perdere l’opportunità di vedere il secondo tempo del film. (Tommaso Tavaglione)”

 Redazione

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

-- 09/02/2009 -- 08:56:39 -- walter

Credo che argomenti come il caso Englaro vadano affrontati in modo più serio e con maggior rispetto verso chi sta vivendo questa tragedia. Forse il silenzio sarebbe stata la scelta più opportuna, invece di parlare a vanvera di argomenti che non si conoscono, come il ruolo del Presidente della Repubblica. E forse sarebbe necessario portare maggior rispetto per la nostra Costituzione, per la quale sono morte migliaia di persone, e con il loro sacrificio hanno permesso a tutti noi, oggi, di poter esprimere liberamente le nostre opinioni.

-- 09/02/2009 -- 10:20:00 -- il direttore editoriale

Riceviamo e inseriamo: “MI DISSOCIO - Non condivido minimamente ciò che in questo articolo scelto dalla REDAZIONE si è voluto far passare come riflessioni. Ho visto un Film!!!!! Ma siamo impazziti? Parlare (o sparlare) della vita che lega questa ragazza a questo mondo è talmente personale, intimo, che avrei preferito mantenere la prima decisione presa dalla redazione stessa, vale a dire il silenzio! Invece eccoci qui pronti come tutti a chi la spara più grossa!” (lettera firmata) = IL DIR. EDIT.: Il commento ci è arrivato tramite e-mail, invece di essere inserito direttamente. L’utente che ci scrive “forse” non è registrato, ma ha voluto ugualmente far sentire la sua voce. Ne approfittiamo per puntualizzare che la “scelta” cui si riferisce l’utente non è stata frutto di “selezione” in quanto le altre mail erano dello stesso tenore, solo che quella pubblicata le riassumeva tutte, come temi trattati, e costituiva l'altra campana rispetto al post di Gelormini.

-- 09/02/2009 -- 09:47:25 -- Actarus

Caro Tommaso, basterebbe questa tua riflessione a fare da chiosa a tutta la vicenda, che, da fatto privato è diventato un problema nazionale. Condivido in pieno il tuo pensiero, e faccio parte anche io di quel partito che in silenzio prega per la vita della sfortunata Eluana. Sono basito dal pensiero di certe persone che recriminano il "diritto alla morte" per una persona che è nel pieno delle sue funzioni vitali; ha il grosso problema di non potersi esprimere, e per questo va aiutata somministrandole acqua e sostanze nutritive. Eluana dorme, si sveglia, respira più velocemente se vede gli amici, tossisce starnutisce, ha il suo ciclo mensile regolarmente....

-- 09/02/2009 -- 10:50:01 -- Actarus

Non è morta 17 anni fa, ha bisogno d'aiuto da quella sfortunata sera che l'ha vista coinvolta nel fatale inidente. Un'ultima considerazione: siamo tutti belli quando firmiamo petizioni contro la pena di morte, pena che viene comminata ad assassini e pluriomicidi. E poi? Dobbiamo lordarci le mani del sangue della povera Eluana! Nessuno tocchi Caino! Ma nessuno tocchi Abele.....

-- 09/02/2009 -- 11:18:44 -- walter

"ha il grosso problema di non potersi esprimere, e per questo va aiutata somministrandole acqua e sostanze nutritive. Eluana dorme, si sveglia, respira più velocemente se vede gli amici, tossisce starnutisce, ha il suo ciclo mensile regolarmente...." Non ci sono parole per commentare affermazioni del genere, si è perso il senso della misura.

-- 09/02/2009 -- 11:33:11 -- Actarus

Giusto Walter. Non ci sono parole.... anzi, in alternativa ce n'è una sola: uccidetela!

-- 09/02/2009 -- 11:25:25 -- armando

caro tommaso...e il caro nn lo dico a caso, per quanto ci costi di tempo e spazio da dedicarti, mi chiedo se sei un costituzionalista? sei un giurista? sei un dottore di medicina? almeno spero tu sia un padre (perché solo così potrai capire quanto questi soffra per la figlia e con la figlia)!!?? Non commenterò la seconda parte dedicata dall’articolo al caso Englaro, se ne potrà parlare quando si sarà raggiunta una decisione pacifica tra tutti. La costituzione: come dici tu la mamma di tutte le leggi, quella che è nata dai pizzini di mosca...(chissa che ne penserebbe de gasperi, andreotti, fanfani, la malfa, spadolini, scalfari...potrei anche continuare!! chissa cosa ne penserebbero le grandi potenze che quando la costituzione fu proclamata in italia, commentarono: “la piu moderna e attuale esistente in questo momento” e che hanno costituzioni molto più vecchie delle nostre.

-- 09/02/2009 -- 12:23:20 -- armando

Chiunque sia andato a scuola superiore sa che compito del Presidente della Repubblica è quello di garantire la Costituzione e di fare un primo screening (controllo) sulla costituzionalità della legge evasa dal parlamento (art.73 e 74), oltre che avere il compito di arbitro tra le istituzioni repubblicane, garante della Corte Costituzionale e del Consiglio Superiore della Magistratura, è lui che nomina il Presidente del Consiglio quindi lo stesso deve la sua giustificazione di diritto dalla decisione del Presidente della Repubblica! è capo delle forze armate (titolo II, come vedi i suoi compiti sono piu di quel che dici.

-- 09/02/2009 -- 12:23:57 -- armando

L'art.138 e 139 della costituzione prevede la possibilità di revisione della stessa perchè sia piu adatta e idonea allo sviluppo sociale economico e culturale del paese, non ne nega la sua esistenza, ma la conferma come funzionale alla vita moderna dei cittadini italiani!! i decreti legge che il governo voleva emanare, sono soggetti alla firma del Presidente della Repubblica ed hanno il carattere dell'urgenza e della tempestività. Ma proprio perchè il compito legislativo non compete al governo bensì al parlamento, con l'ingresso delle competenze del Presidente della Repubblica (nominato dal Parlamento) si garantisce che non ci sia un colpo di mano e che questo rispetti la Costituzione!!

-- 09/02/2009 -- 12:24:14 -- armando

l'intervento a gamba tesa del Governo, non è rivolto ad Eluana, che con legge ordinaria già da anni poteva essere regolamentato e la destra al potere non mai fatto nulla in tal senso. Allora ci si chiede come mai ora?! si usa la storia di una povera ragazza per raggiungere qualche scopo? eliminare una bilancia tra i poteri della Repubblica? non dimentichiamoci che per l'ennesimo volta il governo e la destra tentano di sovvertire una decisione presa dalla magistratura al suo terzo grado di giudizio (il max), in barba alla suddivisione dei poteri!! Se la destra vuole ragionare sulla Costituzione e sui suoi poteri, ben venga, credo che tutti siano pronti...ma vi prego per favore vi supplico tacete sul dolore umano.

-- 09/02/2009 -- 12:24:44 -- armando

Quello che più mi sconvolge è questo atteggiamento passivo, di gente che non ragiona con la propria testa…non sento dire frasi autonome, ma ripetizione di quello che dicono altri…un pensiero conformato che ci permette di non decidere e di non assumerci alcuna responsabilità. Ma su quest’ultima vi sbagliate…dovrete rendere conto di quel che dite…dovrete darne conto a qualcuno!!

-- 09/02/2009 -- 14:08:47 -- elisa

Purtroppo la televisione ha un ruolo molto importante in tutto questo, non solo, nello specifico, perchè riporta false notizie, partorite senza indagini troppo accurate, ma sprattutto, in generale, perchè è diventata fissa dimora di gente ignorante che si trova a dibattere di cose di cui non sa nulla, ci sono opinionisti con un livello culturale veramente basso, senza nessuna qualifica, che esprimono opinioni su argomenti a mio avviso "troppo grossi", ed è quello che sta accadendo anche fra la gente comune, in maniera eclatante con il caso Englaro. Ok, la libertà di espressione, tutti hanno il diritto di parlare, ma sta ad ognuno di noi decidere quando è il caso di dare un parere e, so che per qualcuno sarà una notizia inedita, ma non è necessario e doveroso aprire sempre la bocca e, soprattutto, farlo senza pensarci e con ingiustificata presunzione.

-- 09/02/2009 -- 14:34:10 -- elisa

si permette l'autore di quest'articolo vergognoso di dare consigli al padre di Eluana? Ma dove siamo arrivati? Sarebbe da commentare rigo per rigo questa schifezza, ma mi limito a dire che sono stufa di sentire gente che parla a vanvera e senza rispetto, quindi pregherei tutti di fare silenzio e rispettare la LIBERTA' DI SCELTA, perchè credo che il sig. Englaro non abbia bisogno dei consigli di Tommaso Tavaglione e chi per lui e sia il più idoneo a scegliere cosa sia meglio per sua figlia, su consiglio di medici che gli hanno dato informazioni corrette, che non corrispondono in minima parte alle sciocchezze che leggete sui giornali e che convertite in argomentazioni per le vostre tesi inappropriate.

-- 09/02/2009 -- 17:29:59 -- Actarus

La violenza delle tue parole tradiscono le "buone intenzioni" con le quali vorresti traghettare a tutti noi lettori il tuo pensiero. D'accordo con te che "tutti abbiamo il diritto di parola, ma non è necessario e doveroso aprire sempre la bocca e, soprattutto, farlo senza pensarci e con ingiustificata presunzione" (citandoti). E proprio per questo, potevi avvalerti tu stesso di questo rivendicato diritto. Che ne sà Tommaso Tavaglione del papà di Eluana??? E che ne sa Elisa di Tommaso Tavaglione???!!! Metti da parte le tue ideologie e ragiona con la mente e col cuore.

-- 09/02/2009 -- 17:34:45 -- Actarus

Se poi non ti va' di seguire il mio umile consiglio (tant'è la presunzione che palesi), perdi 5 minuti del tuo tempo a leggere le parole del medico che ha curato la sfortunata amica di Lecco.... http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=327287&START=0&2col= poi leggi le "buone intenzioni" del buon Beppino http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo440590.shtml?1 Non mi aspetto risposte, ma solo un'attenta riflessione.

-- 09/02/2009 -- 18:13:27 -- Leonardo

Ho letto di tutto e di più. Ho assistito alla sfilata di tutti i sentimenti che possono toccare le corde del cuore (sdegno, commozione, partecipazione, emotività, riprovazione…). Come nella scherma ho visto “affondi” e “parate”, attacchi e difese (più o meno d’ufficio). Fossi la Redazione, avrei continuato a starmene lontano da un argomento tanto delicato. E invece mi ci sto invischiando, ma solo perché a “mattino 5” ho sentito oggi un’accusa rivolta al padre della donna - che se si “svegliasse” manderebbe a quel paese un pò di gente - la quale mi ha lasciato interdetto. Il fratello di un “risvegliato” dallo stato vegetativo ha dichiarato che gli è stato detto, direttamente da papà Englaro, che la figlia “non voleva morire”, contrastando così quanto da lui sempre sbandierato. Se un’affermazione del genere fosse stata fatta al “circolo degli amici”, da un orecchio sarebbe entrata e dall’altro uscita, però in una televisione, neanche locale o regionale, bè… lascia molto da pensare. No?

-- 09/02/2009 -- 18:50:00 -- Actarus

Trovate in questo articolo la lettera a cui fa riferimento Leonardo: http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo440590.shtml?1

-- 09/02/2009 -- 20:42:44 -- Maria Rosa

Eluana è morta. Preghiamo per lei e ...meditiamo!

-- 09/02/2009 -- 21:04:35 -- armando

Actarus, nome che da bambino mi richiamava gli eroi dei cartonianimti, oggi il mio supereroe nn si comporta in modo tale…!! Scrivi: “che ne sa Tommaso Tavaglione del papà…” l’hai detto proprio te..appunto che ne sa!!…e come può permettersi di parlarne proprio perché nn sa!! Chi nn sa deve tacere…elisa ha quindi ragione, per tua stessa ammissione!! Secondo caso strano, guarda un po’ escono fuori con articoli vicini al governo!!! Caspita…ma allora il governo ha proprio ragione…gli englaro sono dei mostri!!! E come mai questi giornali ne parlano solo ora di questa vicenda…e da anni che gli englaro vogliono una soluzione dignitosa per la figlia…come mai i giornali e la destra se ne accorgono solo ora?!...forse questi articolo sono più tendenziosi che rivelatori

-- 10/02/2009 -- 22:03:02 -- armando

ieri nello scrivere la mia risposta ai commenti precedenti, nn avevo letto della morte di eluana...chiedo scusa per il commento giunto in un momento sbagliato!! ora che l'articolo è messo da parte, voglio però, per correttezza completare il mio discorso: (per la cronaca li ho letti e non avrei voluto farlo: uno parla di una opinione personale di un medico, ma ce ne sono molte altre di opinioni diverse e non considerate in questo articolo. E nel secondo si parla di una ipotetica testimonianza, non verificata, ma mi chiedo perché gli amici, i parenti stretti, i familiari e tutti quelli che hanno avuto un rapporto diretto con la ragazza non abbiamo smentito il padre?!). Ora faccio la stessa supplica a te…comincia a ragionare con il cuore e la mente..e nn con slogan precofenzionati.

-- 10/02/2009 -- 22:04:54 -- armando

A leonardo faccio un appunto…il sentito dire, spesso non è la realtà e farla passare per tale non è corretto per chi quella realtà la vive… Ultima considerazione, actarus dimmi perché il correire della sera indice un sondaggio (per quanto abbiano di reale i sondaggi) per sapere dagli italiani se il governo ha fatto bene ad emanare questa legge. Il 70% dice no! Il sondaggio viene bloccato immediatamente ma non prima di aver consentito altri voti che abbassano la percentuale al 50%. Il giorno dopo, se nn ricordo male, riabilitano il sondaggio che ritorna al 70%. Vedi questo è il modo di fare giornalismo oggi…non ti fidare di articoli se non puoi verificarne l’autenticità. Vi prego tacete davanti al dolore umano!!!

-- 11/02/2009 -- 00:10:12 -- il direttore editoriale

Avevo pregato tutti (Armando compreso, ovviamente) di CUCIRCI la bocca. D'ora in avanti ogni commento sulla vicenda sarà bannato. Scusatemi, ma: "Est modus in rebus" (Orazio Flacco), liberamente tradotto: "Il troppo stroppia"

-- 11/02/2009 -- 00:20:30 -- il direttore editoriale

Il primo a essere bannato è stato LEONARDO che ha tentato di rispondere ad ARMANDO. Tanto per capirci...

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 4370

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.