Testa

 Oggi è :  17/02/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

06/02/2009

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

IL 2008 DELLA CONFRATERNITA DEL PURGATORIO DI PESCHICI

Clicca per Ingrandire Come ogni inizio di nuovo anno, la Confraternita peschiciana del Purgatorio ha redatto il suo consuntivo mettendo in evidenza i soliti problemi. Il 2008 è stato un altro anno travagliato perché s'è dovuta sopportare una notevole spesa per riparare il tetto della cappella cimiteriale e parte dell'immobile. Abbiamo chiesto vari aiuti, ma poche le offerte pervenute. Di fronte a una spesa di circa 29mila euro così ripartita:

- Impresa edile Marino Giuseppe euro 16mila
- Edilarte Piracci euro 8.912,40
- G.M. Calcestruzzi (Cagnano V.) euro 1.926,60
- Lattoniere Dattoli (Vico del G.no) euro 361,80
- Marmista D'Amato Matteo Elia Euro 550, 62
- Ing. Soldano Nicola Euro 1.000,00.

Mentre sono state raccolre solamente queste offerte:
- Fam. Di Milo-Cosenza-De Sio "Salone da Nino" Euro 200,00
- Fam. Marino Giuseppe "Fiori e Piante" Euro 100,00
- Dott. Petrone Antonio e Spadea Gianna (Vieste) Euro 100,00
- Kiri Diana Euro 100,00
- Del Duca Maria Loreta Euro 10,00.

Qualcuno dirà: "Ma vecchia e nuova amministrazione niente vi hanno dato?" Cosa ci hanno dato!? Prima dell'estate ci hanno demolito le "graste" davanti alla chiesa, comprate con le offerte delle candele a Maria SS. del Rosario, perché "deturpavano il paesaggio" del centro storico. Lì, gli occhi hanno visto, mentre altre cose non si vedono e non deturpano niente. Graste messe per non far parcheggiare le auto, visto che una volta i bambini della prima comunione avevano fatto fatica a uscire "dalla casa di Dio". Noi diciamo "scherza coi fanti e lascia stare i santi". Perché non le hanno sequestrate e poi si vedeva cosa fare?

Nel corso dell'anno abbiamo avuto anche la perdita di due nostri confratelli: Candido Moncullo (iscritto dal 1990) e Matteo Caputo (iscritto dal 1951), ex priore della confraternita che ha avuto il merito di rifare la festa di Maria SS. del Rosario e restaurare gran parte del tetto della chiesa negli anni '80, quando le cose andavano molto meglio con la burocrazia. Infatti, "citt' ji e citt' tu", il tetto fu riparato. Tempo fa, un progetto da noi voluto è stato bocciato dai "signori" della Sovrindendenza.

Col nuovo consiglio di amministrazione che si eleggerà, si vedrà anche questo. Infatti, a gennaio, nella riunione generale (presenti come al solito una manciata di iscritti) oltre a presentare il bilancio 2008 si è parlato proprio del rinnovo del consiglio, illustrato a dovere da don Pasquale Vescera, venuto apposta da Vieste, alla presenza del nostro padre spirituale don Saverio, il quale si è reso disponibile alle attivita confraternali tra cui qualcosa sempre mancata: la catechesi ai confratelli. "Il confratello è uno che vuole fare di più di un semplice parrocchiano" ha sottolineato il nuovo parroco.

L'augurio è che sia proprio così e lo ringraziamo anche per aver celebrato la novena di Maria SS. del Rosario e relativa festa (forse l'ultima, visto che nessuno vuole collaborare, polemiche a parte), e il mese di novembre dedicato ai defunti, stavolta con un impianto microfonico donato da "uomini di buona volontà", della cui installazione ringraziamo Mimmo Tozzi, Carlo Lamargese e Antonio Ranieri, l'elettricista che lo ha realizzato gratuitamente.

E un grazie a Filippo Fiore (riparazioni elettriche varie), Matteo De Nittis (lampadine e altro che ci regala), e Rocco Ercolino (fiammiferi e altro). Ringraziamo la stupenda équipe di donne che si occupano della pulizia della chiesa visto che nel periodo estivo è sempre aperta grazie alla pazienza del priore Giuseppe Biscotti e del sagrestano Romano Marino. Chiudendo, ringraziamo ancora una volta uno dei membri della Confraternita del SS. Sacramento, il sempre disponibile Italo Pupillo. A proposito dell'altra confraternita: torno a pregarvi di farla finita su certe prese di posizione nei miei confronti, visto che ne vanno di mezzo i vostri associati. Finiamola una buona volta, cerchiamo di andare avanti proprio come "fratelli" (tra di noi così ci chiamiamo).

Che Dio ci benedica!

Leonardo Lagrande

 Redazione

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

-- 08/02/2009 -- 20:45:05 -- Fiorenzo

Non deve DIO benedirvi ma la vostra incapacità. E scusatemi se mi sono permesso.

-- 08/02/2009 -- 20:47:04 -- Fiorenzo

Scusatemi ma non accetto che un bene come la CHIESA del Purgatorio non venga sostenuta da alcuna fede, Cattolica e .... politica. A Facc d´l´anim du prijatorij.

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 7386

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.