Testa

 Oggi è :  16/02/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

25/03/2008

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

SOS LUOGHI DEL CUORE-VICO DEL GARGANO

Clicca per Ingrandire Il centro storico del mio paese è un angolo di paradiso non ancora scoperto. Ricordo le belle giornate trascorse a giocare a nascondino tra quelle stradine. Davanti a ogni porta c’era una vecchietta sorridente pronta a raccontare storie non appena ci soffermavamo a salutarla. Quanti cioccolatini e caramelle ricevuti tra una corsa e l’altra. Bei tempi, ora la maggior parte di quelle nonnine allegre riposano in pace, le loro porte sono chiuse e non ci sono più bambini a scorrazzare e rallegrare quei vicoli tristi.
Da piccola mi piaceva tantissimo rintanarmi in una stradina che si trovava vicino casa di mia nonna. Era stupendo scendere quelle scale troppo alte per le gambe di una bambina e vedere quel muretto di pietra tappezzato di piante rampicanti di colore viola acceso e affacciarmi per ammirare un panorama incantevole. Le colline e quella casetta, circondata da verde e roseti, la chiesa di Santa Maria Pura. Passavo le ore lì, perdendomi nell’immenso di quel paesaggio. Quanto tempo è passato! Mi ero quasi dimenticata di quel posto, quando l’estate scorsa, trovandomi lì per caso, vidi quella scalinata e quel muretto spoglio che tanto mi affascinava da piccola, e decisi di scendere. D’un tratto la tristezza mi colmò. Gli incendi erano arrivati nel mio luogo del cuore dipingendo di nero le colline. Unica cosa intatta, la chiesetta. Così mi venne voglia di chiedere ai responsabili dov’erano quando tutto andava in fumo... forse a Peschici? Ma da quanto ho capito pure lì sono arrivati tardi. Passeggiai a lungo per le stradine deserte chiedendomi perché non facciamo niente per rinnovare il nostro centro storico, aprire negozietti, creare attrazioni e fare dei teatrini nelle piazzette.
Il nuovo sindaco è partito col piede giusto, ha fatto aprire un cinema nell’auditorium comunale che prima era una struttura inutilizzata, mentre ora sta diventando un punto di ritrovo per tanti. Ha nuove idee, ma bisogna vedere se riuscirà a realizzarle e far diventare Vico e il suo magnifico centro storico un posto affollato di vichesi e turisti.
MARIA LIBERA PIZZARELLI °°°°°

A volte, passeggiando nelle strade del mio paese, mi soffermo a osservare alcuni luoghi, gli stessi che mi hanno vista crescere nei miei 16 anni e continueranno a vedermi per molto. Ad angosciarmi è invece la visione che io ho di loro, in quanto evidenziano in modo particolare degrado e indifferenza. Chi presenta questa caratteristica è il centro storico. Da piccola, mia nonna mi raccontava di questo luogo e nel parlare s'illuminavano gli occhi. Ai suoi tempi era attivo, movimentato, pieno di gente e diventava interessante soffermarsi a osservare i lavori manuali degli artigiani fuori delle abitazioni. Oggi, invece, l'unica cosa che si può vedere è solitudine e vuoto. Non c'è più gente e quelle strade che prima sembravano piccole perchè affollate ora risultano troppo grandi e vuote. Mi piacerebbe salvarlo, ma l'indifferenza della gente rende il mio sogno quasi irrealizzabile. Posso paragonarlo a un presepe natalizio che pur bello resta immobile, senza vita e movimento, a rappresentare solo un momento della storia senza entrare a far parte del presente. Sarebbe bello se "questo presepe" prendesse vita facendo riemergere i valori culturali che aveva un tempo il mio paese e che ora vanno man mano scemando.
ROSA ANGELICCHIO

 "punto di stella" - mensile d'informazione del gargano

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 908

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.