Testa

 Oggi è :  04/06/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

11/01/2009

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

IL GARGANO VIVE!

Clicca per Ingrandire E fu così che un pomeriggio "qualsiasi" a Vico del Gargano, venerdì 9 gennaio 2009, come per magia, tra nebbia e pioggia, è riuscito a trasformarsi in un momento speciale, anzi, una giornata speciale, non solo vichese ma tutta garganica. Come per magia, tutto quanto speravamo si è avverato, tutto quello che sembrava un rischio si è rivelato una solida certezza: i Garganici esistono e a darne una testimonianza concreta sono state innanzitutto le Associazioni dei tanti paesi del territorio.

Già l'incontro del mattino, riservato ad Associazioni e Pro Loco, ha evidenziato quanta voglia ci sia di conoscersi, confrontarsi, parlare e discutere insieme di tematiche che riguardano il bene comune del Gargano, sempre restando nel proprio ruolo, cercando di essere da stimolo e di supporto per il territorio.

L'incontro del 9 ha dimostrato quanto sia importante continuare a vedersi e confrontarsi, importante seguire questo percorso con l'umiltà di aver fatto solo un piccolo passo, anche se storico, poiché è stata la prima volta che si sono date appuntamento molte realtà associative del Gargano. L'ampia partecipazione, non solo un dato numerico, si è rivelata una quantità di "teste" che hanno mostrato solo interesse e curiosità, nessuno che abbia deciso di partecipare all'incontro “tanto per”, nessuno che non abbia "conquistato" gli altri. Tutti propositivi, tanti già con la voglia di proporre idee in sinergia (come ad aver già saltato un passaggio). Sembravamo già tutti pronti a pensare e a guardare "insieme" al futuro del Gargano.

Ma ci sarà tempo anche per questo. Per ora cogliamo ciascuno le sensazioni, proviamo a radicarle nei nostri diversi percorsi, fermiamoci e riflettiamo su quanto sia sempre importante stare insieme e incontrarci, parlare delle nostre idee. Anche andando solo insieme al bar per un caffè, conoscendoci ancora e sempre di più, perchè questo aiuti a dare un segnale più incisivo alle nostre volontà comuni. Nulla è facile e nulla lo sarà, ma poniamoci nuove domande così da cercare nuove risposte.

L'incontro del pomeriggio è stato una vera "rimpatriata" garganica e il Palazzo della Bella era lì come sua cornice ideale. La Piazza, il Cinematrografo, i Circoli Culturali e Sociali, la Cantina, le immagini itineranti che accompagnavano gli ambienti. E poi il "banditore", il cantastorie carpinese "Zi Carl".

Ringraziamo tutte le Associazioni che hanno partecipato: Legambiente Gargano, Nuovo Circolo Culturale "Giulio Ricci", Centro Studi Paglicci e Associazione Presepe Vivente di Rignano Garganico, Associazione "La Pagnotta" di Ischitella, Associazione Carpino Folk Festival, Associazione "Obiettivo Gargano" di Monte Sant'Angelo, Giacche Verdi e Associazione Genitori di Vico del Gargano, Gruppo "Argod" di Sannicandro Garganico, Associazione "Punto di Stella" e Centro Studi "Martella" di Peschici, Associazione “Rimboschiamo Peschici”, Associazione "Cala la Sera" di San Giovanni Rotondo, Associazione "Schiamazzi" di Cagnano Varano.

Ringraziamo l'Istituto Comprensivo “M. Manicone” e la Direzione Didattica "F. Fiorentino" per aver sensibilizzato i bambini a scrivere un messaggio dal tema "Gargano" sulle cartoline regalate ai partecipanti dell'evento, il Liceo Classico "Virgilio" per aver messo a disposizione le bellissime realizzazioni video, con protagonisti gli stessi studenti, inoltre i tanti affezionatissimi del forum “Io Sono Garganico” e gli amici del gruppo facebook ISG.

Ringraziamo infine (ma non per importanza), tutti i media per aver raggiunto Vico e seguito l'evento, nonostante pioggia e nebbia: le televisioni Rai 3 e Teleblu, i quotidiani La Gazzetta del Mezzogiorno e L'Attacco, l'emittente radiofonica Ondaradio e le tante redazioni internet presenti, per aver dato spazio non solo a noi organizzatori ma a tutte le realtà associative, garantendo così l'informazione a quanti per varie ragioni non hanno potuto essere presenti. Alla prossima, certamente in un nuovo centro del Gargano.

Gaetano Berthoud (presidente Associazione “Io Sono Garganico”)

 Comunicato

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

-- 16/01/2009 -- 17:06:35 -- Gargano

Mi chiedo come mai si scelga il quadro di Dalì "Gli orologi molli" del 1931 e poi scriverci sopra: "E' ora di andare a tempo". C'è forse un senso nascosto? Scusate ma il mio è solo interesse relativo all'uso che si fa di un immagine.

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 3124

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.