Testa

 Oggi è :  12/12/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

27/12/2008

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

VERSO UN PARCO DA VIVERE

Clicca per Ingrandire Rendere quanto più fruibile il territorio protetto del Parco Nazionale del Gargano. E’ l’obiettivo che orienta ogni attività intrapresa dall’Ente: parola del presidente Giandiego Gatta che ancora una volta ribadisce: “L’ambiente non è qualcosa da mettere sotto una teca ... Il Parco non deve essere percepito come un ostacolo per lo sviluppo socio-economico del territorio”.

“Le popolazioni - dichiara nel corso della presentazione del bilancio di fine anno - hanno aspettative che non vanno mortificate e a cui i sindaci devono dare risposta perché hanno riconosciuto il valore del Parco. La sfida che rilanciamo è quella di contemperare l’esigenza della preservazione della natura, del paesaggio, dell’avifauna, della flora, dell’ecosistema del Parco e trasformarla in valore economico. I rapporti con le istituzioni devono essere improntate a critiche severe ma anche serene”.

Quindi conferma la linea dura nei confronti dell’abusivismo edilizio in area Parco con gli abbattimenti programmati per i quali, se sarà necessario, si potrebbe prevedere intervento e collaborazione dell’esercito. “L’aumento del numero dei parchi ha portato a un assottigliamento dei fondi destinati a ogni singola realtà. Nell’incontro con Federparchi fissato per gennaio 2009 - annuncia - chiederemo lo stanziamento di più risorse, anche alla luce della candidatura della Basilica di San Michele a Monte Sant’Angelo a far parte del patrimonio mondiale dell’Unesco avanzata grazie alla sinergia tra Comune di Monte e Parco del Gargano, unica area protetta in Italia che vedrà riconosciuto questo altissimo riconoscimento”.

Infine rilancia un allargamento del turismo religioso agli altri luoghi sacri e di culto di cui è costellata la terra garganica superando il duopolio detenuto da Monte Sant’Angelo e San Giovanni Rotondo che in ogni caso non perderanno il ruolo di teste di serie. Polso fermo contro gli attacchi e le aggressioni di qualsivoglia forma alla natura, a cominciare da quelli catastrofici provocati dagli incendi.

Direttore e vicedirettore del Parco, Filomena Tanzarella e Carmela Strizzi, fanno intanto il punto sulle iniziative già finanziate e sui progetti da cantierizzare nel 2009. “Il Parco è beneficiario di un finanziamento di un milione e 800mila euro - ricorda la Strizzi - destinati alla conservazione del territorio e stanziati con delibera Cipe del 2004: saranno realizzati vivai della biodiversità garganica, avviati lavori di rimboschimento e riduzione dei fattori predisponenti l’incendio, opere di ingegneria naturalistica, attività di informazione, formazione e didattica nelle scuole, restauro delle piscine per assicurare al territorio una maggiore riserva di acqua per la lotta attiva agli incendi e dare riscontro più adeguato alle esigenze degli allevatori”.

Particolare evidenza è stata data al progetto finanziato da Gal Gargano per la realizzazione di un sentiero per portatori di handicap: al budget iniziale il Parco ha aggiunto proprie risorse per far sì che lo stesso sentiero fosse accessibile anche ai non vedenti, nel segno di una fruibilità incondizionata del Parco.


 Manfredonia.net

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 410

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.