Testa

 Oggi è :  29/01/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

05/12/2008

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

QUANTE SFINGI PER UNA SCIARADA

Clicca per Ingrandire Se la ricostruzione di un tempio della musica, della lirica e della cultura, come il Teatro Petruzzelli, fosse avvenuta nell’antica Tebe, non importa se nella storica e gloriosa città greca della Beozia o nell’antica capitale d’Egitto, poi diventata Luxor, al suo ingresso non sarebbe certamente mancata l’affollata schiera di sfingi, a formare il lungo e imponente corridoio d’accoglienza. Tipico a quell’epoca per i templi d’ogni genere. E se volessimo tramandare, a futura memoria, le raffigurazioni di quanti hanno assunto atteggiamenti e posizioni da “sfinge”, nell’interminabile e drammatica sequenza della messa in scena di una riapertura, assunta a chimera, faremmo presto a riempire quel corridoio immaginario con quanti hanno fatto dell’enigma sulla riapertura del Petruzzelli una sciarada lunga oltre 17 anni.

Una galleria che naturalmente vede il ministro Sandro Bondi nelle vesti di moderno Cheope. L’impassibile faraone, col suo “niet” grande come una piramide, ha martellato e bruciato la data del 6 dicembre, mandando in fumo i propositi per riaprire il politeama durante i festeggiamenti di San Nicola. Per fissare, poi, con sorriso sornione e malcelato slancio littorio, la consegna delle chiavi alla Fondazione per le prossime “idi di marzo”. Al suo fianco riprende corpo la Sfinge personale, al secolo Alain Elkann, consigliere per gli eventi culturali e per i rapporti con l’estero del Mibac (MInistero Beni e Attività Culturali; ndr). Una familiarità indiscussa col mondo dei geroglifici, consolidata alla direzione del Museo Egizio di Torino. Chiamato dalla Fondazione Lirica barese a sovrintendere al delicato settore della Comunicazione, la sfinge Elkann ha brillato per la sua evanescenza, la sfuggente partecipazione e l’assordante silenzio nel recente e infuocato dibattito sulle ipotesi di riapertura del Teatro.

Nella severità delle pose non è difficile scorgere i profili beffardi dell’ex-sindaco Simeone Di Cagno Abbrescia, promotore di un infausto Protocollo d’Intesa “a senso unico” con i privati-eredi: per una ricostruzione tutta a carico dei cittadini, oltre un canone annuo rivalutabile di 500mila euro. E quello del ministro salentino Raffaele Fitto, che vorrebbe tirare il delta del Nilo berlusconiano fino alle sponde del tacco d’Italia, per sottrarre capoluogo, province e regione di Puglia alle manifeste intraprendenze dell’inviso centrosinistra. Sullo sfondo la sfinge plurale della famiglia Messeni Nemagna, quelle dei suoi avvocati e, non ultima, quella sfocata di un commissario alla ricostruzione, l’ing. Angelo Balducci, la cui voce ultimamente sembrerebbe essere stata a sua volta commissariata. A meno che non sia stata colpita da un attacco di raucedine, come quello che deve aver investito svariati cronisti ed editorialisti. Improvvisamente distratti dalla biga vittoriosa di Luxuria all’Isola dei Famosi, dal crollo senza fine degli indici azionari di mezzo mondo e dalla smorfia angosciante della sentenza di Erba.

A comunicare la soluzione dell’indovinello tebano è stata la stessa Sfinge, ai microfoni storici e televisivi di Gianni Minoli. All’Edipo-Emiliano di Bari non resta che prenderne atto. E’ stato a lungo l’animale da soma su quattro zampe, che si è fatto carico delle legittime aspirazioni della città. Stringa i denti dopo i colpi subiti e, sorretto dai suoi cittadini, continui ad andare avanti anche con tre zampe. A marzo, sovvertendo la cronologia dell’enigma, potrà drizzarsi e, solidamente su due, aprire le porte al futuro.

Antonio V. Gelormini

 Redazione (foto newsgargano)

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 3930

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.