Testa

 Oggi è :  29/01/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

30/10/2008

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

PETRUZZELLI COME CALENA? STORIE PARALLELE, MA…

Clicca per Ingrandire Alzare gli occhi al cielo e girare su stessi per farsi avvolgere, quasi in un abbraccio pudico e ammaliante, dal vortice di ricordi, di immagini, di luci, di personaggi e di emozioni. E’ il primo e spontaneo movimento che prende il sopravvento nel varcare la soglia della platea, ancora senza poltrone, del Nuovo Teatro Petruzzelli.

Ti accorgi subito che il tempo non si è fermato, che il vecchio Politeama resterà fissato nella memoria di ognuno, nelle suggestive inquadrature di Enzo Lattanzio e nelle drammatiche sequenze di una notte sciagurata, avvolte dai bagliori infausti di una tragedia irripetibile. Il luogo è lo stesso. Ma il teatro non è un museo, dove il passato può essere “visitato” e “ricostruito”, come ci ricorda S.E. Mons. F. Cacucci. Il teatro è azione, che si rinnova incessantemente su quell’altare laico rappresentato dal suo palcoscenico e attraverso quella rituale liturgia codificata nei suoi copioni.

Il costume di scena è il solito, ma questo è un altro Teatro, che guarda al futuro e si appresta a muoversi in ritmi decisamente più contemporanei. Te ne accorgi guardando come verranno disposte le poltrone in platea: non più divise dall’unico corridoio centrale, ma intervallate da due corsie più laterali, per guadagnare più posti e rendere più accessibili le poltroncine centrali di ogni fila. Lo rilevi guardando la cupola spoglia, dove gli affreschi perduti saranno proiettati da moderni sistemi digitali. Lo percepisci dalla freschezza degli stucchi, dalla leggerezza dei decori e dal dedalo futurista della torre scenica. Per questo ritengo che quel “MMVIII” c’azzecchi molto sul frontone del nuovo palcoscenico, al di sopra del grande arlecchino del Petruzzelli.

Ma le cronache ci dicono che tutto questo non basta a esorcizzare la maledizione caduta sul Teatro quella notte di ottobre di 17 anni fa. Un falò di interessi contrapposti, che continua a essere alimentato, nonostante i fiumi di acqua e di denaro profusi dai baresi e dai tanti italiani sensibili alla sopravvivenza di un tale scrigno d’arte e di bellezza.

Una maledizione che vorrebbe rendere vano lo sforzo pervicace e coerente del sindaco di Bari e della sua Amministrazione, per tener fede a un impegno preso con l’intera città e con l’intera comunità dello spettacolo e della cultura, come ha sottolineato Maddalena Tulanti, lo stesso giorno che quell’orologio a Piazza del Ferrarese ha cominciato a scandire il suo conto alla rovescia. Una maledizione comune a tante prestigiose proprietà private, dilaniate da un ventaglio ereditario disomogeneo, che anno dopo anno si allarga a dismisura, espandendo minaccioso la sua ombra.

E’ il caso emblematico e analogo di Palinuro, nel Cilento. Un tempo su quella costa il Club Méditerranée gestiva uno dei suoi più affascinanti e suggestivi villaggi con capanne. Una realtà economica e un flusso turistico internazionale, che influenzavano significativamente l’economia dell’intero comprensorio territoriale. Tanto da dar vita a una nuova linea ferroviaria Parigi-Palinuro. Trent’anni fa medesime vicende ereditarie provocarono lungaggini contrattuali e l’abbandono da parte del Club Med. Nonché la perdita di centinaia di posti di lavoro e lo svanire di una risorsa straordinaria per quell’area. Da trent’anni il complesso è ancora recintato e se ci si affaccia, è possibile scorgere ancora qualche capanna. Uno squallore che fa rabbia e che brucia ancora oggi.

Dio non voglia che analoga incompiuta si profilasse all’orizzonte di via Putignani, al di là di corso Cavour. E se possiamo permetterci un suggerimento: si lasci uno spazio in platea, sin dall’inaugurazione, a un nutrito gruppo di bambini, per consegnare al futuro l’impegno della città a perpetuare il suo rapporto con l’arte e con la bellezza.

Antonio V. Gelormini

LA PETIZIONE = Una decina di giorni fa, improvvisamente, l’inaugurazione del Petruzzelli ricostruito, da tempo già fissata per il prossimo 6 dicembre, festa di San Nicola, è stata messa in forse da un’iniziativa della famiglia Messeni Nemagna (proprietaria dell’immobile; ndr) sostenuta non troppo di nascosto da esponenti politici locali. A questo proposito lo scorso 19 ottobre il vicedirettore del Corriere del Mezzogiorno, Maddalena Tulanti, scrisse l’editoriale che si può leggere linkando

http://farm4.static.flickr.com/3017/2981580289_a832662a52_b.jpg e http://farm4.static.flickr.com/3184/2982446086_acfe209983_b.jpg ;

Il martedì seguente (21 ottobre), sulla scorta del larghissimo consenso raccolto dallo scritto della Tulanti, il Corriere ha lanciato un appello perché sia rispettata la data del 6 dicembre per la riapertura del teatro. Si può sottoscrivere l’appello inviando una mail a Maddalena Tulanti (m.tulanti@corrieredelmezzogiorno.it), con il proprio “Sì, riaprite il Teatro”. La riapertura del Petruzzelli è un impegno da mantenere davanti a tutti i baresi e a tutti gli italiani.

Grazie a tutti. Antonio V. Gelormini


 Redazione (foto digilander.libero.it)

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 3927

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.