Testa

 Oggi è :  01/06/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

29/10/2008

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

SCANDALO-CIBI IN OSPEDALE? CASA SOLLIEVO: "AFFERMAZIONI FALSE E GRATUITE"

Clicca per Ingrandire “Diversi lettori di Garganopress.net da un po' di giorni ci segnalano casi di pietanze "sospette" con etichette "Made in China" o "C.E." (China Export). E non è tutto: molti prodotti, surgelati e non, avrebbero provenienza extraeuropea (Brasile, Australia, India). Non vogliamo creare allarmismi inutili, ma sulla questione inizieremo a indagare. Chi avesse segnalazioni specifiche da farci e foto da inviarci può contattarci via e-mail all'indirizzo garganopress@libero.it.”

Questo il primo post del sito rignanese, datato 28/10/2008, cui oggi si aggiunge il seguente, a firma di Matteo Montagrumo:

“A Garganopress continuano a giungere segnalazioni sul servizio mensa negli ospedali. L'ultima missiva, in forma anonima, ci è stata fatta pervenire alcuni minuti fa. Prendiamo il tutto con le pinze, ma siamo dell'idea che chi di dovere dovrebbe verificare quanto stiamo per scrivere.

Nel documento, in sintesi, si legge che a Casa Sollievo della Sofferenza starebbe accadendo qualcosa di "anomalo": la qualità dei cibi sarebbe diventata sì buona, ma improvvisamente non più di qualità, con l'eliminazione di noti marchi e di noti prodotti dalla dieta dei ricoverati. Salumi, formaggi, carne, pasta, olio, frutta, non sarebbero più di prima ma di seconda scelta (e spesso proposti in quantità minima).

Tutto ciò, a quanto pare, per ridurre i costi, lievitati enormemente negli ultimi mesi. E, per abbattere le spese, anche meno detersivi, meno igienizzanti, meno carta igienica e meno carte-straccio. Ma non è tutto: il personale trasferito non è stato più rimpiazzato, con l'aumento del lavoro per le unità operanti nel servizio mensa. Il servizio-cucina, stando sempre alla missiva anonima, sarebbe in scadenza e la direzione dell'Ospedale di Padre Pio starebbe per riaprire i termini della sua gestione senza gara di evidenza pubblica.

Siamo convinti che chi scrive e non ha il coraggio di firmarsi non merita spazi, ma in questo caso glielo abbiamo voluto dare, perchè si indaghi su un settore che riguarda la salute di tanti ammalati e di tanti sofferenti. Per concludere, pare che nel nosocomio di San Pio non ci siano prodotti cinesi, ma solo polli congelati provenienti dal Brasile. Attendiamo altre segnalazioni: garganopress@libero.it”

IL COMUNICATO DI CASA SOLLIEVO - "Si tratta di affermazioni false e gratuite, forse di chi ha interesse a discreditare l’attività dell’Ospedale dell’Opera di San Pio da Pietrelcina. La Direzione Generale dell’I.R.C.C.S. Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza assicura che ogni prodotto destinato all’alimentazione che entra in Dispensa o nella Cucina della Casa Sollievo della Sofferenza viene attentamente controllato per verificarne la qualità, le proprietà organolettiche nonché la stessa filiera alimentare".

 Garganopress.net

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 352

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.