Testa

 Oggi è :  29/01/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

21/10/2008

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

BREVE STORIA DI UNA ELIAMBULANZA “SCIPPATA”

Clicca per Ingrandire Dall’avvocato Nicola D’Altilia, membro promotore del “Comitato cittadino per il ripristino dell’eliambulanza” (tel 340 6615404 fax 0884 704073) riceviamo e pubblichiamo un comunicato riguardante il CORTEO di PROTESTA del 26 OTTOBRE che si svolgerà a Vieste.

“Scrivo per chiederVi di intervenire con i Vostri servizi a Vieste (Gargano) al corteo di protesta di domenica 26 ottobre 2008, proclamato dal comitato cittadino (forte di 4000 firme raccolte) per il ripristino dell’eliambulanza. È doverosa la premessa che segue per spiegare cosa ha portato un intero territorio a manifestare in piazza la propria protesta.

“Il territorio di Vieste (e di tutto il Gargano nord) è lontano dagli ospedali, forse tra i più lontani d’Italia. Basti pensare che per raggiungere gli ospedali di San Giovanni Rotondo e quello di San Severo occorrono un’ora e mezza di viaggio lungo strade impervie e pericolose. Vi lascio immaginare per i casi urgenti cosa potrebbe succedere. Come se non bastasse, qui non abbiamo nemmeno un pronto soccorso, in quanto l’unico presidio sanitario è costituito da un punto di primo intervento che ha una sola ambulanza del 118 anche nel periodo estivo (quando la popolazione turistica raggiunge il mezzo milione di persone).

“Presso il punto di primo intervento che abbiamo, data la mancanza di strumenti diagnostici e data l’assenza della radiologia (che funziona poche ore alla settimana) riuscire a diagnosticare con certezza i vari casi clinici diventa impossibile, per cui ogni caso rimane incerto finché non si raggiungono detti ospedali. Per rimediare a tale situazione, nel 1995 fu istituito il servizio di eliambulanza che in 10 minuti collegava Vieste con l’ospedale di San Giovanni Rotondo.
Tale servizio, in tredici anni di onorato servizio ha salvato tante vite umane ed ha colmato molte lacune del servizio sanitario in questo territorio.

“L’11 settembre 2008, l’ASL di Foggia decide di dismettere tale servizio di Eliambulanza, con il pretesto che il servizio veniva migliorato perché sostituito da un altro elicottero molto più dotato, ma che ha base a Foggia e serve tutta la provincia di Foggia (la seconda d’Italia per estensione).
Vieste dista da Foggia 100 km (per rendere l’idea dell’impervietà delle strade e della distanza aggiungo che l’autobus impiega la bellezza di tre ore da Vieste a Foggia e viceversa).

A VOI OGNI GIUDIZIO E CONSIDERAZIONE.

Per non rendere la lettura pesante, preferirei resocontare telefonicamente tutti gli altri particolari della vicenda e tutte le circostanze che rendono questo caso veramente peculiare e principe dei casi di malasanità. Il territorio è veramente in rivolta e sfogherà tale frustrazione in corteo di protesta per il quale Vi chiediamo di non far mancare i Vostri preziosi servizi giornalistici.”

 Comitato ripristino eliambulanza

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 629

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.