Testa

 Oggi è :  19/09/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

17/10/2008

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

DUE ARTISTI DA NON DIMENTICARE (4)

Clicca per Ingrandire Andrea Parodi riceve prestigiosi premi, come il “Lunezia 2005” per la neonata sezione "etno-music", il “Maria Carta 2006”, il “Città di Othoca 2006”, il “Tenco 2007” col disco "Rosa Resolza". Talent scout e produttore discografico, è produttore di 3 cd, tra cui “Meridies” di Marino De Rosas. Regista e documentarista (realizza quasi tutti i video dei Tazenda, numerosi documentari sulla Sardegna e un VideoArt girato nell'isola), oltre che musicista e interprete, da sempre pioniere per vocazione. A seguire i progetti con Rino Zurzulo, la scoperta del repertorio sudamericano attraverso Silvio Rodriguez e Caetano Veloso, e certe frange jazz eleganti come quadri di Biasi e certi rosa graniti delle marine.

Proprio negli ultimi anni raggiunge perfezione stilistica e consenso collaborando con Noa e con Al Di Meola, un cd live come "Midsummer Night in Sardinia" vale tutti i telegatti, e il tour in giro per l'Europa con questo riconosciuto stregone delle sei corde è confortato da un sold out praticamente ovunque faccia tappa. Acquisisce quindi prestigio nell'ambito etno-jazz, e partecipa a prestigiosi festival internazionali, tra cui il "North Sea Jazz festival" di Cape Town (Sudafrica), "Fira della Manresa" (Spagna), il "Festival delle Percussioni di Louga" (Senegal) interagendo così con musicisti di vario genere e nazionalità.

Tredici cd e varie collaborazioni (tra le quali "Nuvole" di Fabrizio De Andrè, "Soft Songs" di Gianni Nocenzi, "Amorgos" e "Terra Maris" degli Indaco, "Nun è acqua" di Massimo Ranieri, "Creuza de ma" di Mauro Pagani), compare nella compilation di “World Music - Il giro del mondo in musica” (Amiata Records) quale interprete per l'Italia accanto ai nomi di Miriam Makeba per il Sud Africa, Youssou N'Dour per il Senegal e Compay Segundo per Cuba.

A testimonianza del suo impegno nel mondo della musica etnica e folk e della sua sensibilità per le minoranze linguistiche, la collaborazione col gruppo provenzale Troubaires de Coumboscuro (attuali Marlevar), l'esibizione al Teatro Lirico di Cagliari nello spettacolo “Terracuza To” insieme al quartetto vocale pugliese Faraualla e alla cantante israeliana Noa, con cui duetta in tre brani, dando voce al connubio musicale e artistico tra la cultura sarda e quella israeliana, e infine la collaborazione con Al Di Meola nel progetto Armentos. La riunione dei Tazenda nel 2005, al di là dello scontato successo sulla scia di emozioni più o meno legittime è come un sigillo, è la prova che comunque Andrea Parodi è una figura insostituibile nella scena musicale sarda, non solo come esecutore ma come vero e proprio artista a tempo pieno.

L'ultimo concerto il 22 settembre 2006 all'Anfiteatro Romano di Cagliari resterà probabilmente uno dei momenti più alti della scena musicale sarda: il tributo, la commozione e lo struggente senso d'addio di quella serata diventano uno dei più completi documentari video della storia della musica sarda (lo abbiamo scelto, dopo lunghi tentennamenti, per la nostra galleria del VIDEO DELLA SETTIMANA perché 25 giorni dopo, il 17 ottobre 2006, Andrea Parodi ci lascerà; ndr).

Michele Pio Ledda & Valentina Casalena

 andreaparodi.it

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 690

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.