Testa

 Oggi è :  23/02/2024

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

14/10/2008

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

MEMORIA STORICA E MUSICA POPOLARE

Clicca per Ingrandire Regione Puglia, Associazione Culturale Carpino Folk Festival, Federazione Pugliesi Australiani (patrocinate dall'Assessorato al Turismo) a Moreland e Melbourne dal 20 al 26 ottobre
Oggi non si usa più cantare, ma cantare in passato svolgeva un'importante funzione umana tra le più normale e quotidiane. Non si cantava solo davanti a un pubblico per eseguire un brano. Cantavano un po' tutti, dovunque e e nelle più disparate occasioni: di mattina, di giorno e di notte; in casa, per strada e durante i lavori.

Innumerevoli sono le testimonianze di come, sul lavoro, il canto aiutasse a sopportare le fatiche. Spesso lo strumento di lavoro, se di tipo percussivo, scandiva un ritmo musicale. Si pensi agli spaccapietre. I picconi formavano archi sopra le spalle dei cantori, il solista dava inizio al canto con il manico del piccone che gli volteggiava fra le mani e l'acciaio che luccicava nel sole. Gli uomini grugnivano mentre i picconi mordevano le rocce, poi le voci si univano all'unisono.

Si chiamava "la voglia di cantate", quello stimolo primordiale a esprimersi vocalmente più o meno connaturato all'uomo. Quel qualcosa in forte vibrazione che partiva dalla fronte e coinvolgeva il naso, la mandibola, i denti, la gola e giù per il petto fino alla pancia. Tutto il corpo partecipava a questa emissione di suoni che tendevano a sublimarsi e forse corrispondevano al canto dell'uccello o ai versi degli animali in genere, quando quei versi non erano dettati solo dai più immediati bisogni, ma diventavano l'espressione di tutta una serie di sentimenti.

Tutto veniva cantato, ogni espressione, ogni conoscenza, ogni avvenimento, ogni sentimento. Canti d'amore, canti di sesso (onnipresenti nei versetti, anche se celati), canti di vino, di ebbrezza e di festa. Canti blasfemi, profani, di religione e pagani. Malocchi, scongiuri, magie, favole, credenze, miti e gesta epiche. E la natura quando è benigna e quando è maligna. E gli animali e la loro simbologia.

Antonio Basile


(Il programma è scaricabile visitando il sito www.carpinofolkfestival.com)

 Ufficio Stampa Associazione Culturale Carpino Folk Festival

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 2219

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.