Testa

 Oggi è :  29/01/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

01/02/2008

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

METTIAMO LE VELE AI VOSTRI SCI

Clicca per Ingrandire Saremo capaci di passare dall'anno dell'attesa all'anno della concretezza? Sembra un passaparola voluto, mentre è una sorta di sentimento avvertito, non solo tra le redazioni degli “strumenti” d’informazione della nostra provincia, ma anche tra i comuni cittadini. La parola chiave del 2007? Attesa.
La città capoluogo e la nostra provincia attendono ancora dalla classe politica e dal mondo delle imprese uno scatto d'orgoglio. La politica è tristemente piegata su se stessa, alla ricerca di una squadra che non c'è, nell'Unione e in quel che resta della Casa delle Libertà. Sempre in attesa di elezioni, di candidati presentabili, sempre con in mano le pedine di un nuovo organigramma da creare o da distruggere. Le imprese, dal canto loro, sembrano incapaci di volare alto, di crescere, di diventare grandi, sempre pronte a lamentarsi della politica che non sa programmare.
Politica e imprenditoria dovrebbero prendere piena consapevolezza del loro ruolo rimediando all'impoverimento di risorse e opportunità del territorio. Nella Città Gargano si è vissuto un altro anno spogliato di slanci. E i cittadini attendono, attendono un riscatto, attendono una classifica migliore, un Turismo allungato, una casa a buon prezzo, un lavoro vero che declini dignità e sicurezza, un vocabolario nuovo dove le attese siano spiegate, e buoni maestri che insegnino come le attese si realizzano. La parola chiave del nuovo anno deve essere concretezza. Finalmente mettersi intorno a un tavolo per cercare e concretizzare nuove situazioni. Un nuovo modo di promuovere il nostro territorio. Inventarsi scambi di promozione territoriale con le realtà della Montagna. Cortina D’Ampezzo che scende sul Gargano in estate per promuoversi e il Gargano che sale a Cortina in inverno per fare altrettanto, il tutto concretizzato nello slogan: “Mettiamo le vele ai vostri sci”. Nuovi eventi che siano veri e propri strumenti di comunicazione del Gargano nel mondo. (Non si capisce, a tal proposito, che s'aspetta a dare slancio al Carpino Folk Festival.) Decidersi di affidare il nostro marketing ad a-genzie specializzate che muovano “flussi”, non “gruppi”. Smetterla di vendere posti letto e decidersi a vendere “bellezze ed emozioni”. Passare a un turismo “responsabile”, che si decida cioè a spalmare con più raziocinio l’economia. Concepire il nostro Gargano una vera e propria CITTA’. L’allungamento della stagione turistica, è ora di ficcarselo bene in testa, passa dalla definizione di “sistema”.
Il 2008 dovrà essere soprattutto questo: l’anno della riscoperta del senso di “comunità”. Un anno importante, dove sarà possibile il passaggio dall'attesa alla concretezza, dalle parole ai fatti. Ma abbiamo bisogno della buona politica e della buona impresa. Dobbiamo crederci, tutti insieme, se vogliamo uscire dalla logica dell'attesa, la logica del mugugno e della rassegnazione.
ninì delli santi (OndaRadio)

 Puntodistella

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 3894

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.