Testa

 Oggi è :  13/11/2019

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  L'ARTICOLO

18/09/2008

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

GENIALATE POLITICHE

Clicca per Ingrandire Mentre scriviamo si combatte a livello nazionale in Alitalia per il salvataggio proposto dalla Cai (Compagnia Aerea Italiana) di Colaninno. Nel nostro piccolo, invece, a livello regionale cioè, siamo tutti col fiato sospeso in attesa del primo ottobre, quando dal più sfigato degli aeroporti italici, il “Gino Lisa” di Foggia, dovrebbe decollare il primo aereo MyAir. Le tensioni non sono certo le stesse - volete mettere, la compagnia di bandiera che agonizza, a fronte di una low-cost criticata e stigmatizzata su una percentuale altissima di siti web (lo ha affermato non più tardi di ieri il consigliere regionale Arcangelo Sannicandro di Rifondazione)? - ma occorreva ugualmente un diversivo per non pensare con spasmodica ossessione a questo benedetto 1° ottobre 2008.

E la “gens” politica di casa nostra ha subito provveduto, venendoci in aiuto, organizzando una bella riunione in Regione per promuovere un’idea veramente geniale, ma all’atto pratico solo per chi l’ha promossa: il vicepresidente della Commissione Trasporti, Giacomo Olivieri. Entrando nello specifico la genialata consiste nel creare una Spa, con un capitale di tre milioni e mezzo di euro, a capo di una compagnia di bandiera tutta pugliese!

Apriti cielo! I sindacati si sono immediatamente divisi (non cercano altro che tali occasioni per farlo e dimostrare quanto siano coesi), i partiti si sono affacciati alla finestra in attesa del giusto flusso correntizio nell’acqua del fiume in grado di trasportare il prossimo candidato cadavere, e… la regione Puglia, come s’è messa la Regione Puglia? Gelo assoluto! Ma come, avrebbe sbraitato Olivieri (il condizionale è d’obbligo), vi propongo una sinergia pubblico-privato così allettante, un piano strategico basato sull'impiego di un aeromobile (uno solo?), sei voli giornalieri per 79 passeggeri a botta, un prezzo medio di 45 euro a cranio, tariffe oscillanti fra 30 e 60 euro... e voi nicchiate? Insomma, siete proprio fusi!

A rinfocolare le ire (molto condizionali anche queste) del buon Olivieri, s’è levata la saggia voce di chi queste cose le conosce a fondo, l’eurodeputato Salvatore Tatarella, cui vogliamo bene solo perché aveva come fratello quel Pinuccio nostro collega e compagno di goliardia. “Siete matti? - avrebbe esclamato (ancora un condizionale). - Lasciate fuori la politica da certi maneggi. Il sistema aeroportuale non ha bisogno di altri carrozzoni! AliPuglia è un gravissimo errore. Non perdiamo tempo prezioso a costituire vettori con un solo aereo e per pochi voli al giorno, poi”. Quindi, dopo aver elencato un’intera serie di fondate motivazioni, non si è trattenuto dal portare la stoccata finale: “La verità è che la politica non si dà pace all'idea di restare fuori da questo genere di business”.

Come non dargli ragione?

Piero Giannini

 Redazione

 

Dimensione carattere normale  Ingrandisci dimensione carattere  Ingrandisci dimensione carattere

Segnala

 

 
 

  Commenti dei Lettori:

-- 19/09/2008 -- 17:07:18 -- ETTORE

Siamo tutti con il fiato sospeso, speriamo in bene. Se la compagnia aerea non ci riserva qualche sorpresa, l'aeroporto di Foggia potrà dimostrare a tutti che ha grosse potenzialità.

 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 825

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.