Testa

 Oggi è :  06/06/2020

Benvenuto  nel Giornale

CERCA GLI ARTICOLI :

  

Testo scorrevole
Sx

  LETTERA AL GIORNALE ......

 

29/03/2009

IL PAPA, I GOVERNI E IL PRESERVATIVO

 I politici che nei giorni scorsi hanno criticato il Papa per le parole pronunciate in Africa sul preservativo, sono degli emeriti somari o sono al soldo di interessi occulti? Perché nonostante molteplici istituti scientifici - ultimo in ordine di tempo il centro Harvard per gli Studi su Popolazione Sviluppo - abbiano accertato che il virus dell’Hiv può trasmettersi anche se il preservativo è usato correttamente, i governi non divulgano tali dati? Forse per non mettere in pericolo il business di certe lobby? La verità è che una propaganda interessata, a cui non mancano ingenti mezzi economici, è riuscita, non solo a spacciare una menzogna per verità, ma pure a screditare l’unica voce controcorrente: la Chiesa Cattolica. Le accuse mosse sono sempre le stesse: Chiesa oscurantista, retrograda, senz’anima e crudele. Insomma, un refrain già sentito fin dell’era dei lumi. Il dato sconosciuto che la Chiesa e gli ambienti scientifici seri cercano di divulgare, è che il virus dell’Aids è infinitamente più piccolo degli spermatozoi (0,1 micron), e perciò non presenta difficoltà alcuna a passare attraverso il profilattico che appare al microscopio come un insieme di crateri e di pori del diametro medio di 5 micron. Ciò significa un collegamento diretto tra l’interno e l’esterno del preservativo attraverso un condotto grande 50 volte il virus. Perché continuare a negare che la peste del secolo si può fermare soltanto con la fedeltà e non con un colabrodo al silicone? Siamo uomini o animali?


 
Dx
 

ACCESSO AREA UTENTI

 

 Username

Password

 

Area Privata

Logout >>

 

     IL SONDAGGIO

 
 

VIDEO DELLA SETTIMANA

ESTATE E SANITA

 

STATISTICHE .....

Utenti on line: 1481

 
 
Inferiore

powered by Elia Tavaglione

Copyright © 2008 new PUNTO DI STELLA Registrazione Tribunale n. 137 del 27/11/2008.

Tutti i diritti riservati.